A Porto Cesareo, gli “amici” della biblioteca danno vita al 1° Carnevale Letterario

0
394

Primo carnevale letterarioPorto Cesareo (Le) – Qualcuno diceva che l’unico modo per vivere altre vite è leggere un libro. In realtà, da sempre il Carnevale è il periodo migliore per calarsi nei panni di qualcun altro e dare spazio alla propria creatività. Per questo alcuni volontari e utenti della biblioteca comunale di Porto Cesareo hanno pensato una serie di incontri durante il mese di febbraio, mossi dalla passione comune per i libri e la lettura, al fine di stimolare la fantasia di piccoli e grandi lettori, ma anche per migliorare la socializzazione e la condivisione all’interno di uno spazio comune.

Sempre più lontani, ormai, dall’idea obsoleta della biblioteca intesa unicamente come museo di libri o “luogo sacro” dove il silenzio regna sovrano, questi “amici” della biblioteca, grandi e piccini, sostengono diverse iniziative frequentando giornalmente questo luogo a disposizione di tutta la comunità, usufruendo dei servizi offerti e rienendolo a giusta causa un centro nevralgico della socializzazione e della condivisione come succede in tantissimi paesi del mondo.

Programma

Sabato 7 febbraio dalle 19.30 “I personaggi dei libri si incontrano in biblioteca“: ci si ritroverà in biblioteca e ognuno interpreterà, attraverso abito e trucco, il personaggio del proprio libro preferito, preferibilmente presentandosi all’incontro con il testo d’ispirazione.

Sabato 14 febbraio dalle 19.30 “Alice, dal paese delle meraviglie in biblioteca”: dopo una serie di appuntamenti dedicati alla lettura del romanzo di Lewis Carrol e alla creazione degli abiti dei personaggi del libro, gli utenti della biblioteca si incontreranno in biblioteca per “rappesentare”, curando anche il luogo, la storia fantastica di Alice. Vi va un té per il vostro Non – compleanno

Sabato 21 febbraio alle 19.30 “Pentolaccia letteraria“: gli utenti della biblioteca si ritroveranno per uno dei giochi più popolari e antichi: la pentolaccia. Da sempre divertente per grandi e piccini, il gioco della “Pignatta” verrà raccontato partendo dalle sue origini che lo vedono partire dal Messico. All’interno del caratteristico “contenitore”, oltre a dolcetti e caramelle che solitamente si trovano, chissà cosa troverà in regalo per il vincitore…

{loadposition addthis}

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLecce, conosciamo i nuovi Embalo, Manconi e Gustavo
Next articleLecce, si presenta Bollini: “Serenità per un progetto a lungo termine”