A Cursi, Corigliano d’Otranto e Castrignano de’ Greci tra teatro, ricamo e turismo responsabile prosegue il programma di “viva – tante belle cose”

0
12

Per tutta l’estate a Cursi, Castrignano de’ Greci e Corigliano d’Otranto prosegue il ricco programma di “Viva – Tante belle cose“, un progetto pensato per gli over 50 (in particolare vedovi e vedove) che mira al benessere, alla crescita culturale, alla condivisione di conoscenze e talenti.

Nelle sale di Palazzo De Donno a Cursi continua il laboratorio teatrale “La gioia ai giorni” a cura di Alessandra De Luca. I prossimi appuntamenti (21 e 26 giugno – 3, 7, 17 e 31 luglio – 7, 8, 17 e 18 agosto – dalle 17:30 alle 19:30) saranno finalizzati alla realizzazione dello spettacolo finale previsto per sabato 19 settembre. Sin dall’inizio il corso è incentrato sul tentativo di restituire “la gioia ai giorni“, futuri ma anche presenti e passati. Nel percorso formativo proposto, il teatro è infatti il mezzo di una comunicazione sociale e allo stesso tempo anche di espressione individuale e di progettazione condivisa.

Giovedì 22 giugno (ore 17/20) da Kora – Contemporary Arts Center a Castrignano de’ Greci prende il via anche “Il tombolo è cummare“. Il laboratorio di ricamo, sarà tenuto nei giorni 29 giugni, 6, 13 e 30 luglio, da Maria Stampete, maestra di merletto al tombolo della tradizione, che nel 2019 ha ricevuto il titolo di Cavaliere, tra le onorificenze dell’ordine “Al Merito della Repubblica italiana” conferite dal Presidente della Repubblica.

Continua anche il programma de La scuola Viva! Sul paesaggio, un laboratorio di riscoperta e radicamento nei luoghi, tra richiami ancestrali e nuovi linguaggi che rientra nell’articolato percorso di socialità e formazione di “Viva”.

La scuola Viva, partita in aprile, andrà avanti fino alla fine dell’anno con oltre 300 ore di lezioni. Nel corso dei mesi (con una pausa ad agosto) si stanno alternando corsi brevi su aspetti botanici del paesaggio, strategie per la rigenerazione artistica dei luoghi, processi innovativi e partecipativi di gestione dei beni comuni, strumenti per la descrizione digitale dei luoghi, sviluppo di contenuti e tecnologie digitali, didattica museale, comunicazione e promozione turistica. La finalità della Scuola è duplice: formare operatori che supportino i comuni nella valorizzazione turistico-culturale e lavorare sul benessere che viene dalla partecipazione alla vita della comunità.

Ha studiato Lettere moderne presso l’Università del Salento ed è stata allieva della Scuola Superiore Isufi. Attualmente, svolge un dottorato di ricerca in “Langue, Culture et Civilisation Italiennes” presso l’Université Côte d’Azur di Nizza, in co-tutela con l’Università L’Orientale di Napoli (dipartimento di Studi Internazionali). Le sue principali ricerche riguardano lo sviluppo dell’identità maschile nel mondo militare dell’Italia contemporanea, a metà tra la storia sociale, la storia della medicina e la storia giuridica. I suoi interessi l’hanno condotta a Dijon, presso l’Université de Bourgogne, dove ha trascorso un semestre di studio, e presso l’École française de Rome, dove ha svolto un periodo di ricerca. Tra gli altri interessi, annovera il giornalismo impegnato, la musica d’autore e il cinema indipendente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleCirconauta Festival Internazionale del Circo Contemporaneo.  Al via il prossimo 1 luglio la IX edizione
Next articleBando Galattica: Gallipoli tra i vincitori 50 mila euro per attività di counseling, laboratori partecipati e incubatore d’impresa per le giovani generazioni