Squinzano, furto finito in tragedia

0
2780

Squinzano mortoSquinzano (Le) – Alle 21.50 di ieri sera a Squinzano, il titolare di una ditta idraulica, sita nella zona artigianale, ha sentito voci e rumori provenienti da un’area attigua, cinta da una muraglia alta 2 mt e adibita a deposito di attrezzature edili. Giunto sul posto con il supporto di personale dell’Istituto  “Privacy”, attraverso il cancello carraio aperto, ha potuto vedere una vecchia Renault “Clio” semi impantanata e con cavo di traino attaccato. All’interno, vicino a un gruppo elettrogeno da traino, il cadavere di M.R., pluripregiudicato sessantenne trepuzzino.

Dopo la macabra scoperta immediato l’intervento dei Carabinieri. Da una prima ricostruzione, confortata successivamente da una più minuziosa ispezione dei luoghi dell’evento e della stessa vittima, si è potuta escludere la violenza come causa della morte. Verosimile causa del decesso, un infarto.

Probabilmente non aveva agito da solo, poiché nelle vicinanze della prima auto sono state identificate chiare tracce della presenza di un’altra vettura che aveva provato a trainare la Renault. Motivo, quasi certo, della presenza di M.R. presso quell’azienda, un furto di attrezzature: sulla “Clio”, quasi sicuramente in uso alla vittima, sebbene con documenti ancora intestati ad altri, era stato collocato un compressore della ditta in cui si sono verificati gli eventi. Continuano gli approfondimenti per identificare i complici. Sebbene la vicenda sia da subito parsa abbastanza chiara, la scoperta di un cadavere a Squinzano ha fatto presagire immediatamente scenari più foschi; non è mancato quindi l’intervento della Sezione Rilievi del Reparto Operativo e degli uomini del Nucleo Investigativo di Lecce per non lasciare nulla al caso e per dare la giusta collaborazione ai militari della Compagnia di Campi Salentina.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleAmici di Casalabate: a caccia dello scatto vincente
Next articleLa raccolta differenziata approda nelle marine leccesi