Scoperti cani in una struttura fatiscente situata nella campagna di Squinzano

0
5676

IMG 2211Squinzano (Le) – Scoperto nel pomeriggio di oggi in aperta campagna, nella zona periferica di Squinzano limitrofa al campo sportivo, due strutture fatiscenti dov’erano stati ricoverati una quindicina di cani che versavano in pessime condizioni igienico-sanitarie.  Tutto è partito da un video che nei giorni scorsi ha cominciato a circolare sul web; una signora ha riconosciuto la zona e ha prontamente allertato alcune volontarie di Trepuzzi che si occupano del recupero di cani abbandonati e maltrattati, le quali immediatamente si sono recate sul posto insieme al comandante della polizia locale.

Le strutture, anguste, costruite con reti metalliche rivestite da telo ombreggiante, contenevano  alla bell’ e meglio una serie di cucce ricavate con mezzi di fortuna, dove i cani trovavano riparo.  In un secondo momento è sopraggiunto sul posto anche il Sindaco di Squinzano, Mino Miccoli, che è rimasto sconcertato dalla situazione. Successivamente è giunto anche il proprietario del fondo e della struttura che veniva a portare da mangiare ai cani e che alla vista dei presenti  è rimasto alquanto sorpreso. Il ragazzo, un trentanovenne di Squinzano, in lacrime ha spiegato le motivazioni che lo hanno spinto a costruire nella sua campagna un ricovero per gli animali abbandonati che lui stesso aveva raccolto nel paese. Il suo intento, in buona fede, era semplicemente quello di salvare gli animali dalla strada.

{gallery}Gallerie/CaniSquinzano{/gallery}

Della situazione è stato informato il magistrato di turno della Procura della Repubblica, Dott.ssa Licci, sul posto sono intervenuti anche i carabinieri della locale stazione, il Direttore del servizio veterinario dottore Tondo che di fatto non ha riscontrato maltrattamenti sui cani ma solo una precaria condizione igienico-sanitaria e che ne ha disposto il ricovero, nella giornata di domani, nel canile di competenza. Il proprietario ha preso davanti a tutti l’impegno di apportare dei significativi miglioramenti strutturali e igienici alle costruzioni in modo tale che possa accogliere con decoro non più di 4 – 5 cani. “Oggi stiamo vedendo delle cose che avremmo preferito non dover vedere – Ha dichiarato il Sindaco di Squinzano –  Vorrei  sottolineare che,  oltre alle strutture private esistono anche quelle istituzionali che, se avvisate, si attivano per assicurare ai cani una vita più dignitosa, favorendone l’adozione. Quest’anno, per ultimare in nostro canile, che sorge all’interno di una struttura più grande che comprende anche il canile di Trepuzzi e Surbo, abbiamo stanziato 11.550 euro,  dove abbiamo già ricoverato 5 cani di cui due sono pronti per essere adottati. Tutto questo con un sensibile risparmio per la comunità riguardo il costo pro capite per il  mantenimento dei cani rispetto ad una struttura privata”.