Porto Cesareo dice NO alle trivelle

0
355

trivellePorto Cesareo (Le) – Nel consiglio comunale del 25 novembre 2014 l’Amministrazione Comunale di Porto Cesareo ha ribadito ancora una volta il  fermo e categorico NO alle richieste delle attività di ricerca e di estrazione di idrocarburi nel mare Ionio e lungo le coste Salentine e Pugliesi.

Le indagini geofisiche del progetto di ricerca e di estrazione di idrocarburi,  mirano a ridefinire l’estensione e la natura delle strutture geologiche sommerse presenti nel Mar Ionio, nonché di estendere e completare la copertura sismica già esistente.

Gli impatti dell’attività di prospezione sismica sono riconducibili alle perturbazioni acustiche prodotte tramite i dispositivi di aria ad alta pressione e sono in grado di provocare danneggiamento della fauna marina, con particolare riferimento ai cetacei che, utilizzando per le loro comunicazioni suoni a bassa frequenza, risentono maggiormente negativamente dei suoni prodotti. L’attività di ricerca, potrebbe comportare concreti rischi per la salute e l’ambiente al verificarsi di eventi accidentali con conseguenti irreversibili danneggiamenti degli habitat marini e costieri nonché dell’economia del territorio le cui ipotesi di sviluppo si fondano quasi esclusivamente sul turismo in particolare balneare. Le stesse attività espongono a rischio di danneggiamento, non solo habitat ed ecosistemi marini, ma anche aree soggette a protezione quali I’Area Marina Protetta di Porto Cesareo.

Una delle istanze pervenute in Provincia interessa un’area di oltre 4 mila chilometri quadrati nello Ionio e si estende da Taranto a Santa Maria di Leuca a una distanza di circa 12 miglia della costa. E’ in particolare quest’istanza che, ancora più delle altre, espone il territorio di Porto Cesareo a grave rischio di danneggiamento, in particolar modo per quanto riguarda gli habitat e gli ecosistemi marini dell’Area Marina Protetta.

Il Sindaco di Porto Cesareo, Salvatore Albano, dopo gli incontri tenutesi presso la Provincia di Lecce in presenza del Presidente Gabellone e di altri Sindaci dei Comuni rivieraschi, ha firmato -in data 27 Novembre 2014- la propria adesione al documento di salvaguardia del Mare Ionio ed Adriatico dall’estrazione in mare di idrocarburi.

Il documento, redatto dai Comuni facenti parte della cabina di regia (5 comuni tra cui Porto Cesareo), in collaborazione con l’ufficio ambiente e l’ufficio presidenza della Provincia di Lecce, esprime ferma contrarietà a qualsiasi attività di ricerca e di estrazione di idrocarburi lungo le coste salentine e pugliesi ed è diretto al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministero dell’ambiente e tutela del territorio e del mare e al Presidente della Regione Puglia. Lo stesso documento ha inteso promuovere una moratoria europea sulle attività di idrocarburi nonché attivare tutte le possibili procedure giudiziarie per impugnare davanti alla Corte Costituzionale il decreto sblocca Italia.

Il Sindaco Salvatore Albano sull’argomento dichiara: “Abbiamo già espresso due anni fa pubblicamente il nostro parere contrario, sia in presenza di una delle società interessate a tali tipi di investimenti sia con una prima delibera di consiglio comunale, ma nessuno ci ha ascoltati. Continueremo ad attivarci in tutti i modi possibili in sinergia con tutto il Salento, cercando di coinvolgere il maggior numero di attori, partendo dalle istituzioni locali e nazionali, con l’obiettivo di bloccare le trivellazioni nei nostri mari e salvaguardare così l’ambiente costiero e i fondali marini, tutelare il nostro bellissimo patrimonio paesaggistico e la nostra economia locale che vive in grandissima parte di pesca e turismo. E’ assurdo che in un territorio con tanti vincoli ambientali a soli 12 miglia dalla costa si possano permettere, d’imperio, delle attività così impattanti per l’ecosistema marino, con tutto il danno che ne consegue dal punto di vista turistico ed economico!”.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleGuglielmo Minervini, pronto per le primarie … se si terranno
Next articleC’era una volta Dicembre … C’era una volta l’Italia