Lecce, tornano in piazza le mascherine tricolori

0
33
Lecce – Pacificamente e rispettando le distanze di sicurezza, le Mascherine Tricolori sono tornate in piazza per il secondo sabato consecutivo. La manifestazione si è svolta in diverse città d’Italia, registrando l’adesione di numerosi esponenti delle categorie maggiormente abbandonate dal governo: commercianti, partite iva, lavoratori dipendenti che ancora non hanno visto un euro dell’anticipo CIG.
“Dopo l’azione che ci ha visti protagonisti in più di settanta piazze italiane – si legge nel comunicato diffuso dal movimento – siamo tornati in piazza contro chi evidentemente vuole milioni di disoccupati, di imprenditori falliti e di famiglie alla fame. Dopo essere scesi in Piazza Libertini, per solidarizzare con ambulanti e mercatali, questa volta abbiamo scelto Galleria Mazzini, un tempo crocevia del commercio leccese e oggi, dopo molti sforzi di alcuni imprenditori, a rischio desertificazione”.
“La situazione è drammatica e non intendiamo rimanere in silenzio a vedere fallire le nostre attività o vedere sfrattate le nostre famiglie. Siamo lavoratori, imprenditori, madri, padri, partite IVA: tutte persone che stanno ancora aspettando le misure di aiuto promesse da più di due mesi dal Governo Conte”.
“Non abbiamo paura delle multe, stare in piazza è un diritto: non saranno repressioni e divieti a fermare la nostra voce. Il nostro obiettivo – concludono le Mascherine Tricolori –  è uno: combattere per difendere il futuro dell’Italia e delle nostre famiglie. Le mascherine che portiamo non sono un bavaglio ma un atto di accusa contro chi ha deciso colpevolmente di far fallire un’intera Nazione”.
Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleDon Giancarlo Polito, collaboratore della “bellezza” della Liturgia
Next articleFunerale Silvia Ghezzi, il centrodestra di Lecce: “Dal Sindaco ci saremmo aspettati un atteggiamento da buon padre di famiglia che non provocasse tifoserie”