Incessante la protesta dei Forconi. Blocchi sulla Lecce – Maglie

0
391

Forconi Lecce – Il malcontento dei Forconi continua a farsi sentire. Da settimane la protesta va avanti, ma il culmine è stato raggiunto nella giornata di ieri, peraltro giorno della grande adunata a Roma, dove migliaia di persone erano pronte a manifestare davanti alle sedi istituzionali.

A Lecce, invece, i manifestanti si sono dati appuntamento, alle prime luci dell’alba, all’altezza del centro commerciale Leclerc, sulla statale che collega Lecce a Maglie, creando ingorghi e rallentamenti del traffico.

Numerose le categorie sociali presenti alla protesta, dagli artigiani ai liberi professionisti, dai dipendenti ai pensionati e disoccupati, tutti accomunati da un’unica richiesta: il rispetto della dignità di ognuno.  Così i dimostranti, muniti di bandiere, hanno distribuito agli automobilisti, volantini il cui slogan recitava “Tutti uniti, imprenditori, artigiani, dipendenti, liberi professionisti. Il 18 Dicembre fermiamoci tutti. Blocco stradale Lecce – Maglie”.

Va sottolineato, che si è trattato, comunque,  di una manifestazione assolutamente pacifica tant’è che non si può parlare di un vero e proprio blocco dei mezzi, ma di un rallentamento che non ha nemmeno richiesto l’intervento delle forze dell’ordine.

Stessa scena si è registrata nei pressi dello svincolo Ipercoop, sulla Brindisi – Lecce, dove sono intervenuti i militari dell’arma e gli agenti della polizia locale, ma col solo fine di agevolare il transito delle auto e controllare il pacifico svolgimento della contestazione.

Insomma, per l’ennesima volta i Forconi hanno provato ad alzare la voce e gridare tutto il loro ( che è anche il nostro) malessere per una crisi economica troppo lunga e sofferente, alla quale la politica, forse perchè troppo impegnata ad accaparrarsi le “poltrone”, non sembra riuscire a trovare soluzioni.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous article“L’arte dell’incontro”: artisti, associazioni ed istituzioni uniti per l’integrazione
Next articleControllo le mie emozioni, regolo il mio peso