Una sognatrice d’altri tempi, permalosa e pungente …

0
496

CartolinaMi accingo ad analizzare una cartolina del 1984, ben conservata, che pone in risalto il trascorrere del tempo, dalla carta ormai ingiallita dagli anni, allo stesso inchiostro che non fa trasparire più la nitidezza del momento in cui lo scritto è stato vergato…

Premesso, come sopra, che trattasi di una cartolina da uno spazio ristretto e costretto, lo stesso autore ha dovuto adattare il modus scribendi nel riquadro a disposizione. Quindi è difficile poter tener conto dei margini in quanto il desiderio di scrivere per tramettere quanto più possibile, pone lo stesso nella condizione di utilizzare tutto lo spazio a disposizione.

Il desiderio di accuratezza e di chiarezza, insito nella persona tracciante, è dato dalle lettere alquanto ricche di abbellimenti; i ripassi di alcune lettere, inoltre, manifestano l’intenzione di voler farsi “leggere” quanto più chiaramente possibile, probabilmente utilizzando tale cartolina per espletare quanto la mente suggeriva in quel momento.

Scritto lieve e delicato, ricco di svolazzi, ghirigori e risvolti che trasmettono una fervida fantasia oltre a delle doti artistiche ben evidenti ictu oculi.

Tendenza ad andare su con i righi quindi una sorte di idealismo e di capacità a sognare mantenendo a fatica i piedi per terra, confermato dai tagli delle “t”  tracciati superiormente.

Lo scritto è tendenzialmente acuto appartenete ad una persona permalosa e pungente. Inoltre alcuni occhielli tracciati doppi confermano una personalità dualistica che combatte tra i suoi idealismi e lo sforzo di voler restare legata a certi conformismi che realmente non le appartengono, creando così alcune incongruenze caratteriali.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLa zona avvelenata: a Giugno le riprese dei tre giovani registi salentini.
Next articleAmministrative 2014 – Quattro chiacchiere con le candidate: Laura Palmariggi e Rita Calliari si raccontano