Porto Cesareo, per Lele dei Negramaro è ancora tempo d’estate e di vacanze (2)

0
116

Gabriele SpedicatoPorto Cesareo (Le)  –  Passeggia disinvolto per la via principale del paese, giacchetto in pelle rigorosamente nera, passo veloce e sguardo fiero.

Sembra uscito direttamente da uno dei video che ormai fanno il giro delle bacheche dei social, Emanuele Spedicato, detto Lele, il più carismatico dei Negramaro, il noto gruppo pop rock italiano che trae il nome dal Negroamaro, un vitigno della terra d’origine della band: il Salento.

Non è nuovo di queste parti, il chitarrista del gruppo, l’anima rock della band, è infatti originario di Veglie, distante solo pochi chilometri dalla marina ionica. Forse avrà scelto settembre per rientrare in famiglia e, magari, godere di qualche giorno di mare nelle, ormai tranquille, spiagge più belle della sua terra.

C’è da dire, inoltre, che domani sarà l’ultimo giorno della festa per il santo patrono di Copertino, San Giuseppe; una manifestazione che ha visto la band nascere e crescere con diverse esibizioni, essendo il paese natìo del cantante del gruppo. Chissà se faranno una sorpresa a tutti i loro fan durante il concerto finale?

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLecce: brutta avventura per Catena Fiorello
Next articleCampi Salentina: operiamo per una scuola moderna al passo coi tempi