Yusef Zahir: “ballare mantiene giovani mente e corpo”

0
1005

YusefÈ cresciuto a Porto Cesareo e ha respirato sin da piccolo lo iodio del mar Ionio. Di padre marocchino e madre italiana, Yusef Zahir, astro nascente del ballo, si è appena diplomato al liceo scientifico G. Galilei di Nardò e adesso frequenta l’Università del Salento alla facoltà di Ingegneria. Oltre a studiare, coltiva sin da piccolisssimo la sua passione per il ballo, nello specifico balli caraibici, afrocubani e hip hop. Vincitore del trofeo Salsitaly per le gare di salsa e bachata nel 2011; vincitore della rassegna coreografica con relativa borsa di studio al Salsitaly 2012, con una coreografia creata da Annia Negrete, unica maestra laureata a Cuba presente in Italia.

Yusef è giovanissimo, ma ha già ballato sul palchi importantissimi, come quello del Congresso Cubamania e in molti altri congressi e manifestazioni per rappresentare il salento in tutt’italia…
Lo scorso giovedì sera, 20 settembre, è stato ospite di un evento organizzato a Porto Cesareo dall’associazione locale “Emotion Dance” di Cristina Parente, intrattenendo appassionati di balli caraibici e semplici turisti. Durante “Puerto de la Salsa“, questo il nome della manifestazione, Yusef si è esibito in una COLUMBIA, un ballo tradizionale cubano. La Columbia è un tipo di rumba tipicamente rurale molto diffusa nella regione cubana di Matanzas, in cui danzano solo i maschi al fine di dimostrare la loro “potenza” e la loro “virilità” su ritmi velocissimi, in una melodia molto ricca di percussioni e di strumenti tradizionali cubani. Addirittura, in alcuni casi, ogni ballerino si lega alle caviglie dei coltelli molto affilati e danza secondo un ritmo crescente. Vengono utilizzate anche bottiglie, fiamme e quant’altro, ed i ballerini possono essere addirittura bendati, sempre come prova di virilità.

Noi di Paisemiu.com durante la serata lo abbiamo intervistato:

Tu balli da quando eri piccolo. A chi devi la scoperta della tua passione, c’è stato qualcuno che ti ha spronato oppure è stata casuale?
Nelle mie vene scorre per metà sangue marocchino; il ritmo ce l’ho nel dna, ma è stato mio padre, il “Michael Jackson di Casablanca” (sorride), a trasmettermi la passione per il ballo. Da piccolo è stata una direzione che ho seguito, ma adesso lo ringrazio ogni giorno per avermelo fatto scoprire e per avermi permesso di studiare, nonostante i sacrifici che un genitore deve fare.

Quali sono ora i tuoi progetti per il futuro?
Oltre a frequentare l’Università, perché vorrei diventare un ingegnere, continuerò a studiare il ballo. In più da Ottobre comincerò ad insegnare a Lecce in una scuola, “Angeles de l’Habana“.

Che consiglio ti senti di dare a chi si avvicina al mondo del ballo?
Nessuno in particolare, ma semplicemente di ballare per sentirsi meglio. Il ballo aiuta a esprimere sé stessi, a mantenersi in forma; muoversi, non solo aiuta il corpo, ma fa bene anche alla mente e mantiene di buonumore. In più, ballare la salsa o gli altri balli caraibici sollecita molto il movimento del bacino e ciò da non pochi benefici: migliora l’attività sessuale e allontana la menopausa.

Che dire, Yusef non ha ancora 19 anni ma ha già le idee molto chiare!

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleSuper Carlà ed il Novoli si riscatta: Scorrano battuto 3-1
Next articleL’analisi. Tra tegole ed erroracci, cosa non ha funzionato ancora ?