Premio Moda Città dei Sassi 2014: una nuova Matera narra la sua forza visiva ed una inedita creatività

0
723

Un successo di pubblico, di critica, di stile e di eleganza alla 6^ edizione del Premio Moda “Città dei Sassi”: stilista vincitore  Federico Stefanacci

Premiazione Federico Stefanacci ridMatera – Una soirée elegante da ricordare, uno di quegli eventi che incrociano il sortilegio di una serata unica a una scenografia naturale fuori dal comune. Grande successo per il Premio Moda “Città dei Sassi”, sensualità, passione, originalità nel segno dello stile e dell’eleganza, questi gli elementi che hanno caratterizzato la sesta edizione del Concorso Internazionale per Stilisti dell’Alta Moda.Scopo del concorso èdi individuare, valorizzare e premiare talenti nel campo della moda femminile.

Ad aprire la serata un video dedicato all’attrice Rita Hayworth tratto dal film Gilda  a cui ha fatto seguito una creazione dello stilista Roberto Guarducci, che ha voluto interpretare l’immagine dell’indimenticabile attrice. Dopo la presentazione delle due giurie, la serata è proseguita con la collezione della Maison Raffaella Curiel, presentata dalla figlia Gigliola che si ispira ai costumi folkloristici delle donne dei popoli della  Malesia, dell’Himalaya, della Cambogia, dalla Thailandia alla Cina.  Si prosegue poi con gli abiti lineari dai tagli decisi, inconfondibile charme del nuovo marchio New Lands di Carlo Alberto Terranova, braccio destro di Fausto Sarli per 25 anni e direttore creativo della maison dopo la sua scomparsa, a cui ha dato l’addio nel dicembre 2013.

{gallery}Gallerie/premiomodamatera2014{/gallery}

 Lo spazio poi è stato dedicato ai giovani stilisti con le sfilate dei primi concorrenti: il profumo di primavera di Maria Pia Eramo, Siviglia di Carla Caroli, lo sguardo agli anni ’40 e ’50 di Fiorenzo Di Crisci. Poi nuovamente protagonisti i veterani dell’Alta Moda  con l’omaggio dello stilista di origini lucane Michele Miglionico alla città di Matera e alla Basilicata con tre outfits che si ispirano a  tre delle madonne  venerate nella sua regione: la Madonna di Viggiano, della Bruna e del Carmine. Durante la performance lo stilista ha voluto ricordare il film “Il Vangelo secondo Matteo” del regista Piero Paolo Pasolini, il primo film a tema cristiano filmato nella Città dei Sassi cinquanta anni fa con la proiezione di alcune immagini della pellicola restaurata. La gara ricomincia con la fantasia improvvisa e capricciosa, dalla stravaganza singolare ed eccentrica di Alberto Affinito. Tema dominante della sfilata di Brigida Lorusso i mosaici di Antoni Gaudì e la  città di Barcellona, mentre Nada Leonarda Nuovo si è ispirata a Grace Kelly. Prendendo in esame gli anni ’90, omaggia la cantante afro/britannica Sade Adu la collezione di Federico Stefanacci. A chiudere la gara Sergio Tamburrino che alterna geometrismi dell’arte contemporanea agli arabeschi decorativi di natura orientale. Vincitore di quest’ultima edizione del premio,che si è svolto nella splendida Piazza San Francesco d’Assisi di Matera, è stato lo stilista pratese Federico Stefanacci al quale è stato riconosciuto anche il “Premio della Critica”. Commovente la dedica del premio che lo stilista a fatto alla propria nonna, salita poi sul palco, che lo ha supportato nella realizzazione degli abiti. A Stefanacci è andato inoltre il Premio speciale “Rendez Vous de la Mode”.

Si aggiudica invece  il “Premio Moda al Cinema” , dedicato quest’anno all’attrice Rita Hayworth icona del cinema e dello stile nel mondo, Brigida Lorusso (Altamura). Mentre il Premio Margutta è stato assegnato allo stilista Sergio Tamburrino (Praia a Mare – CS). Premiata anche la giornalista  e conduttrice di TG Norba Prima Daniela Mazzacane per essersi distinta nel mondo del giornalismo e per l’impegno profuso nel promuovere e valorizzare le eccellenze del Meridione ed i giovani talenti. Hanno ricevuto una targa di riconoscimento per la loro carriera stilisti Raffaella Curiel e Nino Lettieri.

A decretare la vittoria è stata una giuria tecnica e una giuria giornalistica: Gigliola Curiel (stilista), Roberto Guarducci (stilista e docente di Fashion Design all’Accademia delle Belle Arti di Bari), Carlo Alberto Terranova (stilista), Michele Miglionico (stilista), Nino Lettieri (stilista), Paolo Fumarulo (stilista), Gianni Sapone (stilista),dai giornalisti: Mariella Milani (storica critica di moda e presidente della riserva naturale di Torre Guaceto), Daniela Colucci (TG2 Rai – Costume e Società), Anna Maria Greco (Il Giornale), Sandra Rondini (Rendez Vous De La Mode),  Sonia Perfetti e Dina De Fina (Collezioni Haute Couture Sposa), Antonio Falanga (E’ Donna), Bea Spediacci (LA7, Montenapoleoneweb, Fashion Channel), Daniela Mazzacane (TG Prima Telenorba), Maria Luisa Sgobba (News Mediaset), Alessandra Dall’Olmo (AM Apulia Magazine), Rosalba Lupo (Rendez Vous Web), Tiziana Anna Piscitelli – Pitian (Because The Style), Alessandro Barrafato (Di Tutto Magazine), Antonio Soleti (Paise Miu), Antonella Losignore (TRM Radiotelevisione del Mezzogiorno),Franco Martina (Ansa), Carmela Cosentino (La Gazzetta del Mezzogiorno), Antonella Ciervo (Il Quotidiano della Basilicata), Carlo Abbatino (La Nuova del Sud), Michele Capolupo (www.SassiLive.it), Principessa Rosalba Messeni Nemagna, Michele Di Masi (esperto di moda), Leo Montemurro (CNA-Federmoda), Patrizia Minardi (dirigente dell’ufficio Autorità di gestione del Po Fesr della Presidenza della Giunta), Luigi Spezzacatene (costumista teatrale), Ernestina Soda (rappresentante comitato  Festa Maria SS della Bruna).

A fine evento si sono esibiti Giuseppe D’Urso (vincitore della 5^ edizione) che ha presentato una collezione ispirata al mondo fantastico del Mago d’Oz di Frank Baum. A seguire Gianni Sapone con una collezione ispirata al maestro Ertè. A chiudere in bellezza la serata Nino Lettieri con il suo plissè rivisitato in chiave moderna con linee che si ispirano agli anni 50/60. L’atmosfera delle luci soffuse e la soave musica, eseguita dall’orchestra Amitiés, hanno accompagnato le modelle che hanno saputo valorizzare con il loro allure i meravigliosi abiti di alta moda, tanto da renderli leggeri e fluttuanti come in una favola moderna che parla di amore, di bellezza e di voglia di libertà.

 

{loadposition addthis}