La nomination è virale su Facebook

0
458

Libri e vinoFino a poco tempo si sentiva parlare di “nomination” solo in riferimento ai reality show e ai relativi meccanismi di eliminazione dei concorrenti. Su Facebook, invece, è scoppiata una vera e propria moda: no, non parliamo dei cosiddetti selfie, ossia gli autoscatti col cellulare che sono tanto in voga, ma delle neknomination e delle booknomination. Nonostante i due termini condividano la stessa desinenza, essi si riferiscono a due fenomeni completamente opposti. Il merito di essersi diffusa per prima va alla moda delle neknominations: è un “gioco” che consiste nel filmarsi mentre si beve alcol in maniera estrema, pubblicare il video sul social network e nominare un paio di amici affinchè anche loro ripetano il gesto, entro 24 ore.

La neknomination ha avuto origine in Australia ma con modalità molto più soft; la diffusione di questa tendenza tra i giovani in Gran Bretagna e in Irlanda ha portato con sé delle modifiche: la bevuta deve essere esagerata e consistere, ad esempio, nel bere un mix di alcolici, nell’ingerire tutta d’un fiato una pinta di birra o compiere degli atti pericolosi subito dopo il gesto. L’assurdità dell’impresa ha, però, portato alle conseguenze più gravi: si ritiene, infatti, che cinque ragazzi siano morti nel tentativo di portare a termine il compito. E’ opportuno sottolineare, però, che a volte la neknomination è stata colta con ironia e simpatia, decidendo ad esempio di bere un bicchierino di limoncello o un semplice sorso di birra.

Il popolo di Facebook contrario a questa pratica insulsa ha deciso, così, di rispondere con un altro tipo di gioco: la booknomination. Il meccanismo è sempre il medesimo, ma cambia l’oggetto dell’impresa: dopo essere stati nominati, si pubblica un passo di un libro che ci ha colpito o semplicemente una citazione o una poesia e, successivamente, si nominano degli amici che dovranno continuare la catena entro 24 ore. E il merito è proprio di un italiano: un ventinovenne bolognese ha deciso di stravolgere la neknomination per provare ad “ubriacarsi” di libri e l’idea è stata ben accolta dagli italiani. Proprio in questi giorni, infatti, possiamo facilmente notare nelle nostre home come la booknomination si stia diffondendo in maniera rapida e piacevole tra gli utenti che hanno voluto dare una bella risposta culturale alla moda dell’alcol estremo.

I due fenomeni rappresentano due facce di una stessa medaglia: spetta a noi decidere quale parte vada meglio per noi! 

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleDove batte il mio cuore, lì è casa
Next articleNovoli, nelle mani di Fratelli d’Italia l’agenda politico-amministrativa. Giovanni De Luca coadiuva Sindaco e Giunta per fare sintesi nel mandato amministrativo