Il 28 ottobre, al Teatro Comunale di Novoli va in scena “Uno Nessuno Tutti: Storia del Soldato senza nome”

0
39

L’evento è organizzato dall’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci di Novoli in collaborazione con il Gruppo Teatrale “I Castellani” di Fossalta di Portogruaro (Venezia) con il Patrocinio del Comune di Novoli


Novoli (Le) – Il 28 ottobre 2023, alle ore 19, nel teatro comunale di Novoli (ingresso gratuito), va in scena l’opera teatrale “Uno Nessuno Tutti: Storia del Soldato Senza Nome,” con la regia di Pietro Turco.

L’evento, patrocinato dal Comune di Novoli, è organizzato dall’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci, Sezione di Novoli, in collaborazione con il Gruppo Teatrale “I Castellani” di Fossalta di Portogruaro (Venezia), e si aprirà con i saluti del Sindaco di Novoli, Marco De Luca e del presidente della locale sezione dell’ANCR, Oronzino Mele.

A seguire, Maria Teresa Calvelli, Funzionaria dell’Archivio di Stato di Lecce, modererà i “Dialoghi” che coinvolgeranno il generale Pietro Turco, autore del libro “IL MILITE IGNOTO 100 ANNI DOPO,” e Piergiuseppe De Matteis, medico novolese ed autore del libro “TUTTI PRESENTI SULL’ARA DELLA GLORIA”.

Al termine della conversazione sul palco del Comunale andrà in scena la rappresentazione teatrale “Uno Nessuno Tutti: Storia del Soldato Senza Nome,” diretta da Pietro Turco. Un cast talentuoso e una crew dedicata offriranno al pubblico una straordinaria esperienza teatrale.

“L’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci Sezione di Novoli è fiera di presentare questo evento che celebra il coraggio e il sacrificio di coloro che hanno servito la nostra nazione. “Uno Nessuno Tutti” è un tributo a tutte le persone comuni che hanno compiuto gesti straordinari nei momenti più bui della storia del nostro paese”, dichiara il presidente Oronzino Mele.

“Nell’attuale momento storico segnato da conflitti bellici che turbano le prospettive del nostro futuro – dichiara il primo cittadino Marco De Lucauna riflessione come quella che si propone a Novoli, il prossimo 28 ottobre, non può che contribuire a sensibilizzare la comunità affinché sia compiuto ogni sforzo utile al dialogo e al confronto perché l’ultima parola non sia quella delle armi. Il mio plauso a chi ha organizzato questa manifestazione che l’Amministrazione Comunale di Novoli è ben lieta di patrocinare perché, io per primo, sono convinto che è importante preservare il dialogo a qualsiasi livello e oltre ogni confine per non rinunciare al percorso di costruzione di una casa comune”.