Galatina, il 21 giugno, dalle 19 “Segni di una comunità. Arti e inclusione sociale: primo evento di Community Dance”

0
340

Danza solidale a GalatinaGalatina (Le) – L’Associazione Barriere al Vento presenta domenica 21 giugno, dalle 19.00, alle Officine Martinucci a Galatina, sulla via per Sogliano, Segni di una comunità – Arti e inclusione sociale: primo evento di Community Dance” una performance a cura della coreografa Chiara Dollorenzo.

“Le parole non dicono tutto, l’arte nelle sue molte forme, dà la possibilità di esprimersi, di raccontarsi, di conoscerci… Questo accadrà! Tutti insieme nel grande gioco della pittura e della danza…” così recita l’annuncio dell’iniziativa che coinvolgerà persone con diversa abilità. Una dimensione corale che costruisce “aiuto” e solidarietà attraverso il contatto e il movimento.

Ecco di seguito uno stralcio del diario di lavoro redatto da Viviana Indraccolo: “Tutti seduti. Nessuna differenza tra chi è su una sedia a rotelle e chi su una normale. Ci si saluta, si sbadiglia, ci si stiracchia. Movimenti leggiadri con mani e braccia in alto a toccare il cielo e poi schhh in giù verso terra per ricevere riposo. Si piegano, si allungano in movimenti sinuosi a tramare forme nello spazio. Mani si trovano, braccia si cercano. Si muovono come fossero serpenti. S’intrecciano, ruotano. È una danza esotica. S’iniziano a formare le lettere con il corpo e si aggiunge anche la voce…  T, braccia aperte; O, chiuse a cerchio; I, in verticale. Braccia che scendono piano, schhh, come una pioggia che scroscia. Fragilità, equilibri mantenuti dal sostegno del compagno… La fiducia, il lasciarsi andare tra persone incontrate per la prima volta. In un presente che chiama tutti a mettersi in gioco. Un vortice di corpi. Una moltitudine di corpi che si muove. Non è così nel Mondo? C’è da sperare accada in pace. Sorridendo!”

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleMiss Mondo Italia 2015 in Tv. I ringraziamenti del Consorso
Next articlePuglia Green Hour 2015 “Il Salento racconta”: spettacoli teatrali gratuiti nell’Area Marina Protetta di Porto Cesareo