Festa te la Virdicula e de lu mieru te Schinzanu

0
608

mieru e irdiculaSquinzano (Le) – Ritorna venerdì, 21 ottobre, ore 19, nel piazzale delle Cantine De Ventura, in via Maria Manca a Squinzano  la Festa te la Virdicula e de lu mieru te Schinzanu, organizzata dalla Pro Loco di Squinzano, in collaborazione con le Cantine De Ventura, B2 Musica e Spettacolo, con la partecipazione delle parrocchie del paese e della Pro Loco di Casalabate Marina di Trepuzzi.

Due elementi, le Virdicule (Ortiche) e lu Mieru (Vino), che sono un po’ il  simbolo della cultura rurale di un paese, come Squinzano, il cui patrimonio dev’essere preservato e valorizzato al fine di mantenere viva l’identità della comunità.

La manifestazione unisce due aspetti importanti del paese: quello religioso e quello profano. Alla ricorrenza della Festa della Madonna del Garofano che, grazie all’impegno dell’associazione 21 Ottobre 1618 – Opera Maria Manca Onlus, della Pro Loco di Squinzano e di tanti cittadini, rappresenta ancora oggi un solido legame con il passato del paese, si accosta infatti la leggenda della tradizione locale, che ricorda nel famoso detto popolare “Ohimmè, Schinzanu scansalu” il passaggio del re Ferdinando I di Borbone; due momenti questi che, nella loro diversità, fanno del sapere comune la ricchezza e l’anima della collettività.

Durante la serata si potrà assaggiare del buon vino e specialità culinarie a base di Virdicula. Animerà la serata il gruppo Cattive Strade, omaggio ai cantautori.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleIl ribollir dei tini della politica leccese
Next articleA Francavilla passa il Lecce, ma che fatica!