Copertino, si rinnova anche quest’anno, la tradizione del presepe vivente alla Grottella

0
608

Presepe viventeCopertino (Le) – Nel periodo delle feste natalizie la tradizione ci rimanda al presepe vivente nei nostri comuni salentini e, quest’anno, anche nella città di San Giuseppe, presso il Santuario di “Santa Maria della Grottella”, si è tenuto, e si terrà il 5 e 6 gennaio prossimi, il presepe vivente che ha come tema guida: “La meraviglia del Natale con gli occhi di Francesco D’Assisi e Giuseppe da Copertino”.

Sappiamo bene che il presepe è il simbolo del Natale, anche chi non ha modo né spazio di ricrearlo nella propria casa, non manca di avere una piccola rappresentazione della grotta della natività con Giuseppe, Maria ed il Bambinello.

Siamo spettatori di questa grande magia, che ritroviamo in questi giorni per le strade delle nostre città, nella ricostruzione della Betlemme di Giudea del tempo di Gesù.

E scorgiamo così: la bottega del fabbro, gli scultori, i locandieri, i falegnami, i mercanti di tessuti, i pastori, i fruttivendoli, le donne lavandaie e pastaie, che creano magie con le proprie mani ed infine la Grotta Santa, nella quale Gesù Bambino viene scaldato dal respiro di tutti coloro che si recano per adorarlo.

Il presepe vivente di Copertino, diviene particolarmente caratteristico per il luogo nel quale è riprodotto, poiché il Santuario si trova appena fuori dal centro abitato, lontano dal rumore di automobili, clacson, schiamazzi, che concedono poco alla dimensione spirituale.

I giorni rimanenti per andarlo a visitare sono il 5 e il 6 gennaio 2014, dalle ore 17 alle ore 22.

Il 6 gennaio si attenderà l’arrivo dei Magi,

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLecce, non si fermano gli attentati dinamitardi. Il nuovo Questore incontra il Prefetto
Next article“Intimità_ segni d’arte 2014”: a Lecce una mostra fotografica di Federica Calabriso