Aprire l’auto con lo smartphone, ora si può

0
1047

SmartphoneLecce – Per ora è solo un progetto all’interno del settore Information and Communication Techonologies, ma già la notizia sarà gradita in particolare alle signore, che nelle loro grandi borse non riescono mai a trovare le chiavi per aprire l’auto.

Grazie all’invenzione di un giovane ricercatore del dipartimento di Tecnologia dell’Innovazione della Facoltà di Ingegneria dell’Università del Salento, una applicazione per dispositivi Android “IDA-Key”, permetterà di aprire l’auto con lo smartphone.

Roberto Vergallo, questo il nome del giovane inventore, è dottorando in Computer Science e vincitore del concorso nazionale “BMW i App Games”.

La geniale trovata è ancora da brevettare, ma permette attraverso una semplice applicazione scaricabile dal cellulare, di collegarsi alla centralina dell’auto e di permettere l’apertura della serratura  senza bisogno di altri strumenti.

Il dottorando salentino ha lavorato anche presso l’Università della California ad un progetto di mobilità sostenibile riguardante la ricarica delle auto elettriche.

Questi passi avanti della nostra gioventù salentina e della nostra università permettono di riporre grandi speranze nel futuro dei ricercatori e quindi della nostra terra.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleDesiderio di riscatto dopo una stagione sottotono: occhio al Barletta
Next articleUniversità del Salento: ricercatori non idonei all’abilitazione. Rischio sospensioni attività didattiche