Xylella: il TAR Lecce si dichiara incompetente. Sarà il TAR del Lazio a decidere

0
294

tar LazioLecce – Come ampiamente previsto, il Tar di Lecce si dichiara incompetente a trattare del ricorso presentato dagli Avv. Pesce circa la sospensione dell’eradicazione degli ulivi nel loro agro di Oria. Competente è stato designato il Tar del Lazio.

I motivi con i quali il collegio giudicante ha ritenuto di essere incompetente sono stati due. Innanzitutto è stata rinvenuta l’esistenza di due procedimenti. Il primo dei quali fa capo al decreto del ministro delle Politiche agricole e forestali articolandosi poi in ulteriori delibere regionali.

Il secondo procedimento farebbe capo alla dichiarazione dello stato di emergenza da parte del Consiglio dei Ministri, all’ordinanza emessa dal capo del Dipartimento della Protezione civile nonché al piano degli interventi del Commissario delegato.

L’ordinanza del Tar di Lecce inoltre ha sostenuto che nonostante la predisposizione del Piano Silletti, ad oggi non è stato adottato alcun atto che disponga l’eradicazione o l’abbattimento degli ulivi. Secondo il Tar le operazioni si sarebbero limitate, ad oggi, al mero contrassegno (con ics in vernice rossa indelebile) degli ulivi nella proprietà del ricorrente.

Sciolta la questione di competenza, la discussione nel merito si terrà dunque nel Tribunale Amministrativo della Capitale. Restano a carico degli agricoltori le misure prescritte con Ordinanza regionale n. 2 del 23 marzo 2015, e qui sotto riportate.