Ambiente Svenduto. Percorso di giustizia e verità per Taranto, tutti vanno a processo

0
30

2016 02 29 16.35.18A Taranto vanno sotto processo gli uomini dell’ILVA ed i politici ad essa collegati, prima indagati e ora imputati.
Dopo lo stop sopravvenuto lo scorso novembre in Corte d’Assise per un vizio di forma, il Processo Ambiente Svenduto è ripreso. A novembre il processo era  stato parzialmente azzerato ma era stata salvata la costituzione delle numerose parti civili, oltre mille tra soggetti pubblici e privati, tra le quali PeaceLink.

È stata posta oggi una pietra miliare sulla strada del percorso di giustizia e di verità che attende finalmente Taranto. Il GUP Anna De Simone ha infatti chiesto/confermato il rinvio a giudizio formulato dalla Procura di Taranto nei confronti di 47 imputati, 44 persone fisiche e 3 società, per il reato di disastro ambientale ed altri reati contestati tutti nell’ambito della poderosa attività del GIP Patrizia Todisco e dai pubblici ministeri. Tra i 47 imputati, l’ex governatore della Regione Puglia Nichi Vendola e l’attuale sindaco di Taranto Ippazio Stefano. Il rinvio a giudizio arriva in un momento importante per Taranto, a pochi giorni dalla pubblicazione sulla stampa nazionale di informazioni riguardanti livelli scioccanti di diossina rilevati nel quartiere Tamburi e resi noti in questi giorni.

I picchi registrati a Taranto sono assolutamente abnormi: mai gli scienziati avevano trovato valori simili in Italia, se si fa eccezione per Seveso.Arpa Puglia ha chiesto che l’Ilva riveli cosa è accaduto.
La diossina è un inquinante cancerogeno che può persistere per decenni nell’ambiente. Potrebbe aver contaminato gli interni delle case, fin nelle camere da letto e nelle cucine, oltre alle strade e ai terreni per i quali era in corso la bonifica. Al quartiere Tamburi i bambini avranno timore di raccogliere i fiori questa primavera, per paura di toccare la terra contaminata. Persiste un pericolo che riguarda il presente e il futuro. Taranto non è tornata una città normale e sicura. Taranto ha un bisogno atavico di giustizia. Vogliamo che il processo segni l’inizio di una nuova stagione di consapevolezza sociale e di rigenerazione istituzionale.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleUniversità di strada, quando la cultura scende dalle cattedre e va incontro alla gente
Next articleNovoli, rapina al supermercato Di Meglio in via Madonna del Pane