Mister Corini presenta Pescara-Lecce: “Sarà un banco di prova per testare il nostro percorso di crescita”

0
56
Mister Corini

Lecce – I giallorossi si presenteranno allo stadio Adriatico di Pescara con tante assenze. Gli ultimi in ordine di tempo sono Vigorito, Pisacane e Nikolov. Sempre ai box i lungodegenti Adjapong, Calderoni, Dermaku, Listkowski e Monterisi. Su questo e tanto altro, ha parlato mister Corini durante la conferenza stampa della vigilia: “Da ieri, Pisacane ha un affaticamento muscolare, Vigorito ha avuto un problema al ginocchio. Mancosu è pienamente recuperato, come dimostra la gara di domenica scorsa contro il Cosenza. Ho già scelto la formazione che scenderà in campo. A centrocampo siamo corti, mancano Listkoski e Nikolov. Ho fatto delle valutazioni considerando la migliore formazione da schierare domani, con un occhio alla gara di martedì contro l’Entella“. Nelle ultime giornate, alcuni dei titolari inamovibili sono rimasti in panchina a vantaggio dei giovani e dei nuovi innesti del mercato di gennaio: “Tutti i miei ragazzi sono titolari, anche due minuti per me sono fondamentali. Vedete Calderoni quando entrò contro la Cremonese, in casa, per 4 minuti. Mise una palla tagliata sulla testa di Paganini che per poco non faceva gol. Abbiamo tanti giocatori e dobbiamo scegliere chi sta meglio. I vari Pisacane, Stepinski e Zuta hanno fatto parte delle rotazioni per dare loro respiro e per recuperare la condizione. Ho fatto delle scelte, questo nuovo assetto sta portando risultati importanti e lo voglio mantenere. Faccio delle scelte basate sul lavoro settimanale, sull’aspetto tattico, sull’avversario, tenendo conto delle gare da affrontare. Sono tutti titolari ma devo tenere in considerazione i vari fattori“.

A questo punto della stagione, per dare lo sprint definitivo, è molto importante l’aspetto mentale: “Il presupposto mentale a qualsiasi livello è fondamentale. La capacità dell’allenatore è quella di far capire il momento, saperci stare dentro e spiegare come uscire dalle difficoltà. L’equilibrio per me è imprescindibile. Trovare il connubio vincente e preparare i ragazzi a fare la partita. Dobbiamo sapere stare dentro le difficoltà e cavalcare i momenti positivi. Affrontiamo il Pescara con il nuovo mister Grassadonia, una squadra forte con una rosa profonda e caratteristiche elevate. Hanno pareggiato contro il Frosinone. Già domani sarà un grande banco di prova per dare continuità ai risultati e verificare i nostri miglioramenti“. Proprio queste ragioni, l’imperativo di domani è vincere: “La vittoria è sempre un grande risultato a prescindere, lavoreremo e faremo il massimo per portarla a casa, anche per dare l’impulso al campionato. Finché ci sarà la possibilità, cercheremo di inserirci tra le prime due posizioni“. Il mister spiega anche cosa c’è ancora da migliorare: “Le cose da migliorare sono sempre tante, cerchiamo un equilibrio funzionale per arrivare al risultato. Dobbiamo consolidare dei concetti anche perché a gennaio ci sono stati ulteriori innesti. E’ scattata una scintilla importante e dobbiamo alimentarla e portarla in campo in ogni gara ufficiale“.

Infine, un commento sui rientranti Paganini e Tachtsidis: “Luca sta lavorando da laterale di destra basso, voglio alimentare questo tipo di percorso. Ovviamente, in caso di mancanza di centrocampisti, lo chiamerò in causa. Tachtsidis ha recuperato, ha avuto un’infiammazione al ginocchio. Ha lavorato con noi durante la settimana ed è pienamente a disposizione