“Quasi quasi oggi cr…Esco!”: oggi a Leverano la conclusione del laboratorio teatrale a cura di Nova LiberArs

0
44

Leverano (Le) – Non siamo mai pronti per crescere! Ci si ritrova grandi all’improvviso. Si guardano gli adulti aspirando a diventare presto come loro e, quando gli anni passano, ci guardiamo indietro per scoprire e sognare come eravamo.

C’è un luogo in cui tutto questo è tangibile, un luogo caro ad ognuno di noi, che lascia il segno in ciò che nel tempo siamo disposti a diventare. È un luogo che emoziona, che consolida relazioni con gli altri, dove non è difficile incontrarsi o scontrarsi con i pensieri, le divergenze, i sogni.
È il luogo dove si diventa grandi dentro, e si chiama SCUOLA.

Quasi quasi oggi cr…Esco è un Progetto che punta l’attenzione sull’idea personale che i bambini ed i ragazzi hanno del loro futuro, passando attraverso l’esperienza artistica della Musica e del Teatro nella sua complementarietà. Un laboratorio in cui FARE, essere sé stessi, tirare fuori le emozioni. La scuola come FormAZIONE, movimento, gioco, libertà.

Nova LiberArs, associazione culturale, di comprovata statura, già da alcuni anni, ha sposato con successo un format destinato alla Scuola dell’Infanzia, alla Primaria ed alla Secondaria di 1° Grado. Per il Progetto 2021, è stata ospite dell’Istituto Comprensivo “Don Lorenzo Milani” di Leverano presieduto dal Dirigente Prof. Antonio Saponaro, che, con successo, promuove sempre attività scolastiche curriculari ed extra curriculari per tutti gli alunni di ogni ordine e grado.

Il Progetto, totalmente inedito per la Musica e la sceneggiatura è il risultato del grande impegno degli esperti Mauro Scarpa (attore e autore dei testi), Marzia Quartini, assistente tecnica e insegnante di Teatro, Roberta Epifani, per la preparazione Musicale; consulente video Christian Manno. Musica scritta e interpretata dal pianista e compositore Alessandro Rubichi.

Leverano, 23 dicembre ore 17.30 si va in scena al Teatro Comunale.

Direttore Responsabile Paisemiu.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleI presepi a Francavilla Fontana, memoria e tradizione
Next articleIl “canto” della cornamusa… fa Natale