“Processo a Dio”: domenica 27 marzo al Teatro Cavallino Bianco di Galatina

0
21

Domenica 27 marzo, ore 20.45 fuori abbonamento, e il 28 marzo, ore 10 per il pubblico scolastico, al teatro Cavallino Bianco di Galatina è la volta di “Processo a Dio”, dramma in due atti di Stefano Massini per la regia di Raffaele  Margiotta, una produzione Compagnia Theatrum, che rappresenta il silenzio di Dio dinanzi all’abisso dell’Olocausto e la ricerca di un colpevole da parte di un gruppo di sopravvissuti.

Lo spettacolo rientra nella programmazione promossa dal Comune di Galatina e organizzata dall’associazione OTSE (Officine Theatrikés Salento Ellàda).

Senza aver mai perso la sua dignità di donna ed essere umano, una famosa attrice di teatro convince alcuni sopravvissuti a seguirla in una travolgente impresa al solo scopo di ricercare un colpevole alla loro sofferenza.

Riconoscere l’esistenza di un’entità superiore che decide del destino degli uomini e chiedergli ragione di quanto è accaduto, postulando che l’assurda tragedia abbia un senso imponderabile, è processo a Dio. D’altra parte, negare l’esistenza di quell’entità vorrebbe dire mettere in discussione l’esistenza stessa di Dio, o meglio, credere alla possibilità che una tragedia di tale portata possa essere generata da un mero concorso di casualità.


Dramma in due atti di Stefano Massini
Regia Raffaele Margiotta con Antonietta Manca, Dante Lombardo, Luigi Sarcinella, Salvatore Coluccia, Cosimo Claudio Carrozzo, Alessandro Giovinazzo / Dario Pintaudi
Scenografia e costumi Raffaele Margiotta
Musiche Emanuele Coluccia
Produzione Compagnia Theatrum

Inizio ore 20.45.
Biglietto prezzo unico 10 euro.
Info e prenotazioni: Tel. 3287391140
Biglietteria: martedì e giovedì 16:30 – 19:30, sabato 10:00 – 13:00

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous article“Insieme per Sant’Oronzo”: attivata la raccolta fondi per finanziare con l’Art Bonus la copia della statua
Next articleRiflessi nell’anima – Domenica 27 marzo 2022, 4^ di Quaresima