Notte della Taranta, Expo Dubai accoglie il 2022 a ritmo di pizzica

0
25

Dopo aver ospitato artisti del calibro di Ludovico Einaudi, De Gregori e Venditti, Roberto Bolle, Il Volo, Nicola Piovani, Vinicio Capossela, l’Italia celebrerà il Capodanno a Expo 2020 Dubai, prima Esposizione Universale in Medio Oriente, che attraverserà i fusi orari dei 192 Paesi partecipanti, con La Notte della Taranta.

Proprio così, nel Capodanno più lungo del mondo ci sarà la nostra “Notte della Taranta”. Diversi gli eventi pensati per rendere la Puglia, più precisamente il Salento, protagonista del Capodanno dell’Esposizione Universale. L’Orchestra Popolare suonerà oggi nell’iconica Al Wasl Plaza, la cupola dorata nel cuore dell’Expo dalle 15:45 alle 17 (in Italia dalle 12:45 alle 14).La piazza avveniristica sarà prestigioso palcoscenico per la band salentina, eccellenza mondiale nel panorama della World Music e ambasciatrice ufficiale della pizzica nel mondo.Alle 19.30 (22.30 in Italia), invece, si terrà uno spettacolo di danza araba e pizzica a cura dei gruppi Al Khubaiti e Pizzica del Salento. E ancora, alle 16.30 (19.30 in Italia), sempre nella All Wasl plaza, è previsto il live de La Notte della taranta, una grande festa di popolo che racconterà la Puglia attraverso le sonorità del tamburello.Infine, a partire dalle 23.30(ora locale)il Padiglione Italia accoglierà nella notte di San Silvestro i musicisti Attilio Turrisi – chitarra battente, Carlo De Pascali – tamburello salentino, Giuseppe Astore – violino, Leonardo Cordella – organetto e tamburello, Salvatore Cavallo Galeanda – voce e tamburello, Consuelo Alfieri – voce e organetto, e i ballerini Lucia Scarabino, Serena Pellegrino, Ludovica Morleo, Fabrizio Nigro, il coreografo Mattia Politi e Alessio Bertallot Dj per dire addio al 2021 a ritmo di tamburello, sul palco di un’architettura il cui concept è “la bellezza che unisce le persone”, ma non è tutto: già ieri, 30 dicembre, alle 18.30 (21.30 ora italiana), nel padiglione dell’Arabia Saudita, l’Orchestra popolare e il Saudi folklore hanno dato vita a una performance in cui si sono fusi i ritmi della tradizione popolare araba e salentina.

La presenza della Puglia al Capodanno più lungo del mondo è frutto della collaborazione di Expo Dubai con l’agenzia turistica Pugliapromozione e con la fondazione Notte della Taranta ed è fondamentale per celebrare e far conoscere il nostro territorio e le sue tradizioni, come ha sottolineato Massimo Manera, a capo della delegazione della fondazione Notte della Taranta a Dubai “I visitatori di Capodanno si immergeranno nella storia e nella tradizione del Salento.Rappresentare la Puglia e l’Italia a Capodanno nella spettacolare vetrina mondiale, ci rende particolarmente orgogliosi del lavoro svolto in sinergia con Pugliapromozione. La scelta dell’Italia e dell’Arabia Saudita di ospitare la Notte della Taranta nello scenario più importante dell’esposizione universale – ha proseguito Manera- decreta il successo incomparabile dell’Orchestra Popolare»” E non solo, la notte di San Silvestro all’Expo Dubai darà il via alle celebrazioni di un evento importante del folklore salentino, come lo stesso Manera ha evidenziato “ A Dubai apriamo ufficialmente i festeggiamenti per un anniversario importante: 25 anni di Notte della Taranta”.

La partecipazione di Pugliapromozione a Expo Dubai «fa parte della nuova strategia di riposizionamento del brand Puglia sui mercati internazionali in previsione della riapertura dei flussi turistici, dopo le restrizioni imposte dalle autorità a causa della pandemia da Covid- ha commentato il direttore generale dell’agenzia regionale, Luca Scandale -. Secondo i più recenti dati Enit, l’Italia risulta essere la destinazione del segmento lusso più ambita al mondo, non solo per la ricchezza e varietà della sua offerta culturale e di alta gamma, ma anche in funzione della capacità mostrata nella gestione della pandemia con la garanzia di alti standard di sicurezza sanitaria offerti ai viaggiatori nazionali e internazionali- ha proseguito Scandale – La collaborazione permette di rafforzare la partnership istituzionale nella promozione della destinazione sui nuovi mercati emergenti».