A Torre Lapillo, il 30 giugno, va in scena il Canzoniere Grecanico Salentino

0
315

Canzoniere grecanico salentinoPorto Cesareo (Le) – Il Centro di Educazione Ambientale del Comune di Porto Cesareo in collaborazione con Music e Show snc, nell’ambito del programma di animazione culturale e ambientale del SAC Arneo Costa dei Ginepri, nella magnifica e suggestiva location della cinquecentesca torre di Torre Lapillo, il 30 giugno, dalle ore 21.00, propone una serata interamente dedicata alla musica identitaria del Salento a cura del più importante gruppo di musica popolare salentina.

Quarant’anni e non sentirli, il Canzoniere Grecanico Salentino, storico gruppo fondato dall’intellettuale salentina Rina Durante insieme a Daniele Durante e passato qualche anno fa nelle mani del figlio Mauro, porta davanti al mare di Torre Lapillo, al cospetto dell’omonima torre costiera, uno spettacolo imbastito sulle note del nuovo disco, nato proprio da una riflessione su quello che è stato, e quello che potrà ancora essere. Un concept album sul tarantismo, quello antico e quello “2.0”, non più legato al morso del temuto ragno, ma a un male di vivere che, oggi, ha molte cause ma pochi rimedi. Durante il concerto, insieme ai brani storici, il gruppo propone nuovi pezzi come “Solo Andata”, scritto da Erri de Luca, “Taranta”, musicato da Ludovico Einaudi, “I Love Italia”, scritto da Piers Faccini, e ancora “Tienime Tata”, “No TAP” e molti altri.

Apre lo spettacolo la band emergente composta da giovani salentini, “KAYSSAH”, che sfoggia uno stile musicale decisamente eclettico, con generi musicali che variano dalla scia del Funk a quella del Pop, pur mantenendo un sound decisamente unico.

INGRESSO LIBERO.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleTorre Lapillo, si parla di biodiversità e molluschi nei mari del Salento
Next articleMonteroni: rapina finita in tragedia