Squinzano, in Piazza Plebiscito si festeggiano gli Ulivi !

0
605

Ulivo 2Squinzano (Le) – Si è tenuta nella storica cornice di Piazza Plebiscito la “Festa degli Ulivi”. Voluta fortemente dal “Comitato spontaneo a difesa degli ulivi Squinzan-Trepuzzi”. L’iniziativa  nata in un primo momento su proposta dell’ attivista Giuliana Mastroleo di Squinzano per una raccolta fondi atta a supportare economicamente  i proprietari terrieri destinatari di notifiche di espianto forzoso degli alberi di ulivo a sostenere i proibitivi costi dei ricorsi al Tar , è diventata a seguito della recente pronuncia della Procura di Lecce firmata dai procuratori Motta , MIgnone e Ricci, motivo di festa. La manifestazione in effetti  è stata all’insegna del divertimento spensierato, dove la musica  del gruppo di pizzica Stella Grande e Tommy band che si sono prestati gratuitamente a spazzare via a colpi di pizzica e taranta tutti i cattivi pensieri, ansie e preoccupazioni che hanno invaso gli attivisti nell’ultimo periodo , e degustando prodotti della tradizione salentina, preparati sapientemente dalle donne del comitato.

Gli artisti si sono cimentati nei più classici brani della tradizione folk salentina, arrichendolacon la propria verve artistica e coinvolgendoil numeroso pubblico accorsoin danze anche improvvisate e non propriamente tecniche , ma l’importante era “zompare “ in nome degli ulivi salvati. Alla musica si sono intervallati , gli interventi dei protagonisti di questa importante vittoria frutto di tenacia e resistenza pacifica.

{gallery}Gallerie/Ulivo_Squinzano{/gallery}

Hanno preso la parola Ivano Gioffreda e Tina Minerva di spazi popolari, pionieri della lotta “anti-xylella” nonché ricercatori che con la le loro scoperte ed esposti hanno stimolato la procura alle indagini sino al provvedimento di recente emissione. Numerosi gli attivisti ambientalisti accorsi dalle province leccesi e brindisine che , accrescendo numericamente una piazza come quella di Squinzano notoriamente indifferente agli eventi di aggregazione e condivisione sociale, hanno dato la loro testimonianza della propria attività e delle proprie lotte a difesa degli ulivi e del territorio. Tra questi Mimmo Giglio , attivista di Veglie, Gino Ancona, volto e nome noto delle lotte a tutela del territorio pugliese e tanti altri che hanno portato le proprie testimonianze.La serata è stata presenta da Tiziana Cicolella di Novaria testata giornalistica on-line e moderata da Giuliana Mastroleo, attivista e promotrice del Comitato di Squinzano Trepuzzi.  Nell’arco della festa, tra le sonorità tarantate della pizzica, si è ringraziato tutti i membri del comitato per l’incessante e tenace lotta a difesa del territorio,  unitamente agli avvocati Giovanni Liaci di Squinzano e Giovanni D’Elia di Veglie, che hanno espletato gratuitamente la propria opera professionale nel deposito dei ricorsi. L’evento è stato possibile, oltre alla collaborazione di tutti gli attivisti del Comitato Squinzano Trepuzzi che hanno lavorato instancabilmente e supportato tutte le spese per la realizzazione, anche grazie alla disponibilità della Città di Squinzano e agli sponsor Cantine De Ventura di Squinzano che ha donato il vino per la serata e la Pro Loco Casalabate “Sezione di Trepuzzi” che ha concesso il palco per il concerto. Dagli interventi si è preso coscienza di come il Salento davanti alle emergenze possa esprimere spirito di unione e tenacia civica al di fuori di ogni logica partitica, e la vittoria di questa battaglia, al grido : “Giù le mani dagli Ulivi ! ! “, potrà e dovrà essere da stimolo ad una comunione di intenti e lotte su problemi che ancora travagliano il territorio pugliese, come la centrale di Cerano e l’Ilva di Taranto .

Comitato spontaneo a difesa degli Ulivi Squinzano-Trepuzzi.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleMiss World 2015, Greta Galassi quinta tra le top Model Mondiali. Vince la Spagnola Mireia Lalaguna
Next articleCarmiano, ancora maltrattamenti ed estorsione in famiglia. Arrestato un figlio violento