Paola Leo, professionalità e idee chiare al fianco di Michele Emiliano

0
1655

Paola LeoMamma di Antonio e Anna Pia, moglie di Roberto e Ingegnere dei Materiali. Dall’ anno 2000 collabora con la Facoltà di Ingegneria dell’Università del Salento; dal 2010 professore aggregato presso la stessa nel settore scientifico denominato Metallurgia. Nel 2014 ottiene l’Abilitazione Scientifica Nazionale (ASN) a professore associato e dal 2005 è titolare di insegnamenti presso la Facoltà di Ingegneria.  Ad oggi autrice di 90 pubblicazioni scientifiche e Responsabile del Laboratorio di Metallurgia dell’Università del Salento. Questa per lei è la sua prima esperienza politica. Lei è Paola Leo, candidata alle regionali al fianco di Michele Emiliano.

Perché ha deciso di impegnarsi con una candidatura per le elezioni regionali?

Ho ritenuto indispensabile mettere a disposizione dello staff di Michele Emiliano la mia esperienza da Ingegnere e il metodo nella risoluzione dei problemi. Grazie a Michele Emiliano che mi ha voluto sono certa di poter trasferire le mie competenze e la mia esperienza in un nuovo campo: quello della Regione Puglia. Ad oggi, da mamma e professionista, ho rintracciato notevoli difficoltà da parte di una fascia composta da giovani laureati e non a cui credo di dover dare il mio contributo alimentando la speranza di veder realizzate le loro aspettative.

Quali sono i principali temi su cui sta basando la sua campagna elettorale?

Per le ragioni suddette ho basato il mio programma politico sulle opportunità di inserire i giovani, ciascuno secondo il proprio talento e formazione, nel mondo del lavoro dando realmente una soluzione alle loro problematiche e non inutili promesse. I punti principali che intendo sviluppare sono: INNOVAZIONE E INSERIMENTO NEL MONDO DEL LAVORO DEI LAUREANDI/LAUREATI. Le imprese operanti in qualsiasi settore informano le Università pugliesi in merito alle principali problematiche di ricerca e sviluppo di prodotto o di processo. Le Università della regione si impegnerebbero a diffondere tra i laureandi /laureati l’informazione ricevuta dalle imprese. I laureandi/laureati propongono soluzioni alle problematiche evidenziate dalle Imprese. Le università diffonderebbero l’informazione relativa alle soluzioni alle imprese coinvolte. Le imprese analizzano il ventaglio di soluzioni proposte da laureandi/ laureati e, individuata quella più efficace, si impegnano a realizzarla. La regione si impegna a finanziare il 40% del costo necessario a realizzare l’innovazione. L’azienda si impegna a realizzare l’innovazione con il restante 60% inserendo il laurendo/laureato che ha proposto la soluzione all’interno dell’azienda per un periodo remunerato variabile tra i 6 e i 14 mesi. La regione si impegna a finanziare le Università per il loro ruolo. OBIETTIVO: le imprese innovano. Lo studente ha la possibilità di svolgere un periodo di formazione con possibilità di inserimento nel’organico. Le università con i finanziamenti ricevuti potrebbero supportare ulteriori attività di ricerca finalizzata al sostegno delle attività produttive. DIFFUSIONE DELLA CULTURA E DELL’INFORMAZIONE/ FORMAZIONE TRA I GIOVANI. Le Università  si impegnerebbero a promuovere l’utilizzo delle strutture Universitarie per la diffusione della cultura e dell’informazione (convegni, seminari, conferenze stampa). La regione Puglia agevola la partecipazione degli studenti intervenendo sul costo di iscrizione. RISPARMIO E AGEVOLAZIONI ALLE MICROIMPRESE. La regione garantisce agevolazioni fiscali alle microimprese che utilizzano più dell’70% della fornitura di Energia Elettrica nelle fasce orarie in cui i prezzi di consumo sono ridotti e che operano nei settori: manifatturiero, industriale, agro- alimentare. IMPRENDITORIA E INCENTIVI ALLA PRODUZIONE. La Regione si impegna a promuovere l’avvio di microimprese/piccole imprese mediante  bandi di finanziamento caratterizzati da procedure di istruttoria semplificate e a sostenere le stesse microimprese/piccole imprese nello sviluppo attraverso l’erogazione di incentivi proporzionali al loro fatturato annuo fino a 5 anni dall’avvio dell’attività. COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI LOCALI. La regione Puglia si impegna a sviluppare accordi con gli stati balcanici per promuovere l’importazione/ esportazione di prodotti locali di microimprese/piccole imprese riducendo i costi da esse sostenuti. La Regione puglia/gli stati balcanici si impegnano a promuovere la commercializzazione di prodotti locali finanziando il 30% del costo del trasporto. SOSTEGNO ALLE MAMME LAVORATRICI. La Regione si impegna a rivedere la politica di finanziamento delle strutture pubbliche per l’infanzia in particolare degli asili nido al fine di garantire alle mamme la possibilità di non abbandonare la loro attività lavorativa e/o di poterla svolgere più agevolmente. 

Perché queste elezioni sono importanti?

In una pluralità di opinioni è fondamentale che vi sia anche quella di chi realmente si trova a contatto con la disperazione di giovani avendola vissuta in prima persona. Persone che prima di tutto operano in condizioni precarie e che preferiscono la strada dell’espatrio alla possibilità di rimanere e produrre.

Cosa pensa sulla situazione attuale della regione Puglia, sulla sfiducia nei confronti dei politici?

La Puglia è una regione dalle mille risorse, per esempio fino ad aggi è stata la prima regione d’Italia per la produzione di Olio. Questo primato che origina dalla passione e dall’impegno di tanti pugliesi rischia di essere un lontano ricordo se non si interviene adeguatamente lasciando alle generazioni future quello che si è ricevuto dalle generazioni precedenti. Un approccio di tipo scientifico può indubbiamente dare un contributo fondamentale non solo nell’ambito delle politiche agricole ma anche nella soluzione delle molte altre problematiche che ci interessano da vicino ad es. riciclaggio, smaltimento di rifiuti tossici, inquinamento, occupazione, sanità.  Purtroppo capisco il senso di sfiducia verso la classe politica. Cosa hanno raccontato fino a questo momento? Cosa di quanto hanno raccontato è stato poi realizzato? Ci vogliono idee concrete e attuabili a breve termine. Non si ha bisogno di grandi discorsi politici e false promesse ma di soluzioni concrete e facili da realizzare che, con la loro realizzazione, contribuiscano a ridare fiducia e autostima ai pugliesi e ne esaltino le potenzialità in ogni settore. La mia esperienza da studente mi ha insegnato che di fronte ci si può trovare grandi mentori in cui non smettere mai di avere fiducia nonostante talvolta i fatti possano indurre a pensare il contrario. La fiducia nasce dalla consapevolezza che chi ci rappresenta veramente agisca nel nostro interesse. 

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleCampi Salentina, un anno di amministrazione Zacheo ha cambiato il paese?
Next articleScatta l’ordine di sequestro delle cambiali emesse per Easytrainers, MC Academy e MC Service di Morgan Corso: l’accusa è di vendite piramidali