Campi Salentina, un anno di amministrazione Zacheo ha cambiato il paese?

0
1940

CampiCorreva l’anno 2014 il calendario segnava 25 maggio, la brava gente di Campi Salentina si recava al voto per eleggere il nuovo sindaco a conclusione di una campagna elettorale alquanto nervosa. Di fronte due coalizioni la prima Ripartiamo da Campi guidata da Egidio Zacheo, la seconda Grande Campi guidata da Massimo Como. Accreditata della vittoria finale secondo i più era il drappello guidato da Massimo Como, ma come spesso succede tutti i pronostici venivano smentiti dal risultato che dava ad Highlander Zacheo, la vittoria per una manciata di voti.

A distanza di un anno, abbiamo chiesto a due dei protagonisti della contesa un bilancio sul lavoro dell’ amministrazione Zacheo. Il consigliere d’opposizione Serena Assenzio, protagonista ed ispiratrice di molte delle battaglie legali intraprese da Grande Campi contro la Giunta Zacheo ci ha dichiarato: “Ognuno sfrutterà il primo compleanno della giunta Zacheo  piegandolo alle proprie convinzioni. C’è chi gongola per averlo messo lì, come una bella statuina, c’è chi esulta per averlo ingessato come un traballante e innocuo sindaco, c’è chi lo ritiene ormai superato ed in preda ad evidenti stati di confusione politica.Io userò, per giudicare questo genetliaco, le armi della logica e del ragionamento, sapendo benissimo “chi  era” Egidio Zacheo, “chi è oggi”, Egidio Zacheo, e “chi l’ha messo” sulla tolda di comando di questa campagna elettorale. Noto che ormai ripete all’infinito gli stessi movimenti, argomenti e sermoni vari da quando fu eletto per la prima volta sindaco di Campi. Cerca permanentemente di  farsi illuminare da un cono di luce in una partita che lui certamente non gioca. Combatte un nemico immaginario ed ha dei movimenti goffi e spropositati. Si palesa come innovatore e fa il trionfalista, specie quando si tratta di inaugurare una lapide per un’autoclave, un foyer di un cineteatro incompleto, un intervento idrogeologico interamente finanziato dalla provincia. Insomma cerca disperatamente d’impadronirsi di un successo che nella migliore delle ipotesi non è suo, nella peggiore, non esiste. Certo, la sua ultima scalata al potere comunale è risultata fastidiosa in virtù di un abbraccio mortale con il più potente gruppo imprenditoriale della zona, non tutti lo giustificano con indulgenza. Respinge qualsiasi critica, vuole tacitare l’opposizione e il suo aventino, negandogli alcuni sacrosanti diritti -accesso agli atti, adeguamento della giunta alle disposizioni del Decreto Delrio –  coccola qualcuna che lo legittima e tratta da nemico chi non lo compiace. I temi e la veemenza della propaganda non sono, comunque, gli stessi. L’autorevolezza del grande mistico della sinistra viene sottoposta a dura prova un po’ da Fina, un po’ dal PD, un po’ dagli stefaniani. Le idee non sono abbastanza ardite e il “credo politico” nemmeno molto motivato. L’operazione della “Grande Retorica” balbetta, non è più convincente. Si cerca disperatamente delle conferme. Insomma il tutto si scontra con l’insindacabilità dei numeri, della statistica. A Campi c’è un altissimo livello di disoccupazione, chiudono tutte le attività commerciali. I trentenni, appena laureati, emigrano. C’è un calo demografico spaventoso. L’edilizia è scomparsa. Si muore di tumore come in nessun paese limitrofo. La nostra quotidianità è fatta di piccole citazioni sulla stampa locale, flessibili tentativi di colmare una complessiva mancanza  di un progetto. Un progetto nuovo e diverso. Non sono un’esperta di fantascienza, per cui non so dire se Zacheo incredibilmente vede un altro film. Ma i numeri ed i fatti parlano chiaro. E soprattutto, non si possono manipolare.” L’Assessore ai lavori pubblici Angelo Sirsi ci ha raccontato un’altra storia: “Campi si fa bella non è solo lo slogan che abbiamo coniato  un anno fa per pubblicizzare l’avvio dei lavori per il rifacimento del manto stradale di via Lecce, ma è il più grande progetto culturale che la nostra Città abbia mai avuto. Non deve sorprendere che  l’Assessore ai Lavori Pubblici e Urbanistica parli di cultura, perché ristrutturare ed efficientare tutte le scuole di ogni ordine e grado significa preservare i luoghi dove si insegna la cultura ai nostri figli, riportare i ragazzi a fare sport nelle palestre scolastiche nuove e agibili vuol dire fare amare lo sport e la cultura sportiva ai ragazzi. A settembre 2014 abbiamo inaugurato la scuola media, il 30 giugno prossimo saranno terminati i lavori di ristrutturazione della materna di via Kennedy cominciati 4 mesi fa, il 10 giugno prossimo inaugureremo la palestra , la mensa e tutti i servizi della scuola elementare di piazza Giovanni XXIII, il 30 luglio invece sarà la volta della palestra delle medie di via Novoli. Abbiamo fatto la gara per l’assegnazione dei lavori per l’efficientamento energetico della elementare di via Dante e , notizia di due settimane fa, la regione ci ha concesso 700 mila euro per la ristrutturazione della scuola elementare di piazza Giovanni XXIII. Ristrutturare l’ex Cine-Teatro Excelsior  è ridare al nostro paese un luogo della memoria, è portare a Campi artisti di teatro, cinema , arte e letteratura. Avremo tra qualche mese un luogo polifunzionale unico nel Nord-Salento. Abbiamo realizzato in pochi mesi più di 2,5 km. di piste ciclabili, in un paese che non ne aveva nemmeno due metri, e che si inseriscono in un progetto molto più ampio dove Campi è promotore e capofila, che è quello di raggiungere e collegare l’adriatico allo ionio con piste ciclabili, altro che cemento e asfalto,  che attraverseranno anche luoghi importanti come la Chiesa di Santa Maria a Cerrate e che vedrà coinvolti i comuni di Guagnano , Campi e Trepuzzi fino a Casalabate. Questa è la cultura della green mobility. Tra 10 giorni inaugureremo il nuovo viale Nino di Palma , il più bel biglietto da visita che la nostra Città offre a chi  lo attraversa. Il progetto del 2007 di rifacimento di quel tratto di strada lo abbiamo trasformato e totalmente rifatto a tal punto che da “Calimero è diventato Cigno”. La nostra attenzione è stata e sarà costantemente su tutte le problematiche,;manutenere e asfaltare le strade; abbiamo già ripristinato chilometi di marciapiedi che i cittadini aspettavano da anni e continueremo a farlo , la scorsa settimana abbiamo provveduto ad abbattere le barriere architettoniche lungo tutto il tratto del viale Nino di Palma dalla rotatoria di via Sandonaci alla rotatoria di via Squinzano, abbiamo tolto dal degrado e protetto dal vandalismo i giardini di casa Prato-Calabrese con la nuova cancellata e la videosorveglianza, l’ex area Telecom di via Ugo Foscolo da luogo di degrado è diventato un utilissimo parcheggio per i residenti. La piazza Libertà ha una nuova illuminazione e  un nuovo arredo con l’inserimento di sei  panchine che i cittadini chiedevano da anni , la fontana di via Novoli è tornata a vivere. Il 10 Maggio scorso abbiamo inaugurato, alla presenza del Sottosegretario di Stato al Ministero delle Infrastrutture ON. Umberto Del Basso Decaro, un chilometro e duecento metri di strada e la voragine contro il dissesto idrogeologico sulla via Sandonaci. Opera di importanza capitale che eviterà l’allagamento esterno da Nord e renderà la zona a rischio idrogeologico da molto alto a basso. Tutto questo  è  cultura per l’attenzione e la cura del bene pubblico. Finora abbiamo parlato solo delle cose già realizzate in soli undici mesi di amministrazione Zacheo,  ma i progetti che abbiamo in cantiere per il nostro paese e che a brevissimo realizzeremo sono numerosi e concreti. La scorsa settimana abbiamo approvato una delibera per il rifacimento del tratto stradale e del marciapiedi del viale Di Palma nel tratto che va dalla rotatoria di via Sandonaci fino al collegamento con la via Guagnano, il rifacimento della così detta strada diga, cioè via Tommaso Campanella, e la ristrutturazione di alcune importanti piazzette del centro storico; il 17 Marzo scorso il ministero delle Infrastrutture ci ha finanziato tremilioni di euro per realizzare la vora di via Lombardia recapito finale che impedirà a tutta la zona Palombaro di allagarsi; il 27 Gennaio scorso la Regione Puglia ci ha concesso un finanziamento di duecento mila euro per la fogna bianca di via Verdi per la quale stiamo preparando la gara di appalto. Tra qualche mese tutti i 2300 punti luce della nostra Città saranno a LED , un progetto sul quale stiamo lavorando da Settembre scorso e che è in dirittura d’arrivo. Consentirà di risparmiare circa 80 mila euro l’anno del bilancio comunale. Tutta la parte nuova del cimitero Comunale nel biennio 2015-2016 sarà completata con strade, servizi e verde, anche qui siamo in dirittura d’arrivo con il progetto. La scorsa settimana è uscito il bando dei Beni Culturali al quale stiamo partecipando presentando cinque progetti per la ristrutturazione di cinque Chiese: Santa Maria delle Grazie, S.Oronzo, Madonna dell’Alto, Madonna del Bosco, il viale che porta al Santuario di San Pompilio e il campanile della Chiesa di San Pompilio. Siamo in grado, per la qualità dei progetti presentati,  di avere buone speranze per la concessione dei finanziamenti, perché come dice sempre il nostro Sindaco,” non chiedeteci 100 euro del bilancio Comunale per contributi perché forse non li abbiamo, ma milioni di euro di finanziamenti siamo bravissimi ad averli”. In appena un anno la nostra Amministrazione ha avuto ben 10.883.000,00 euro di finanziamenti che hanno portato lavoro ed economia a tutto il territorio. Insomma abbiamo finalmente di nuovo un paese vivo , pulsante , che muove economia e che infonde fiducia per il futuro dei nostri figli.Due punti di vista come è naturale che fosse diametralmente opposti, il giudizio finale spetta sempre a quello che una volta veniva chiamato il popolo sovrano             

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLa raccolta differenziata approda nelle marine leccesi
Next articlePaola Leo, professionalità e idee chiare al fianco di Michele Emiliano