Nasce a Copertino “Valore Assoluto”

0
547

Copertino (Le) – Si è tenuta ieri sera a Copertino, in via Torino, 33, la serata inaugurale della libera associazione politco-culturale Valore Assoluto. Un evento decisamente partecipato e che ha visto la presenza sia di pubbliche autorità sia di eminenze di spicco della società copertinese.

L’evento ha preso avvio con i saluti del presidente di Valore Assoluto, Luca Rizzo, che ha messo in evidenza la natura della neo-associazione, sottolineando che essa va ricondotta ad un laboratorio dove coltivare idee nuove ed innovative per il territorio e per la politica.

A seguire l’interessante intervento del segretario di Valore Assoluto, Antonio Iaconisi, che ha spostato l’asse dell’evento sul piano più strettamente pragmatico, mettendo in luce le principali criticità di Copertino. Subito dopo, gli interventi di Mauro Ragosta e Salvatore Luperto –il primo economista ed il secondo critico d’arte e direttore del MACMA di Matino- i quali hanno sottolineato come oggi più che mai, con l’evidente crisi della politica e della società tutta, occorra guardare all’arte e al mondo della cultura per intercettare nuove possibilità di sviluppo per la nostra società.

Importanti, poi, sono state le incursioni del Sindaco di Copertino, Sandrina Schito, che, riportando le pieghe dell’evento sul piano più concreto, ha evidenziato molti dei fronti sui quali la comunità copertinese deve adoperarsi e riflettere per raggiungere livelli di benessere più soddisfacenti. A conclusione, le puntualizzazioni del consigliere comunale Vincenzo De Giorgi, che ha posto l’accento sulla necessità di una riqualificazione del turismo religioso a Copertino, necessario per produrre risvolti più soddisfacenti per l’economia del paese.

Insomma, una serata che ha visto non solo proiezioni pragmatiche tout court, ma anche punte di astrazione e congetture strategiche di tutto rilievo. E forse è questa la formula, il mix, per Copertino, probabilmente troppo cristallizzata e ancorata su questioni eccessivamente concrete senza una proiezione di più ampio respiro.