Lecce: il sindaco Perrone tuona contro i vandalismi ai danni della città

0
236

Uno spettacolo indegno

paolo-perroneLecce – In seguito agli episodi di violenza verificatisi durante la manifestazione antifascista, tenutasi ieri per le vie del centro cittadino, riportiamo integralmente la dichiarazione del sindaco di Lecce, Paolo Perrone.

“Bombe carta tra le famiglie a passeggio per lo shopping del sabato, atti di violenza e intimidazione all’indirizzo dei commercianti e delle forze dell’ordine, il centro storico devastato a colpi di spray e di scritte minacciose. O letteralmente ignobili, come quella  “Marò assassini – Riportiamoli a casa a testa in giù”: un’espressione, un concetto, un sistema di valori che si commentano da soli. E che la dicono lunga sulla visione del mondo della “sinistra antifascista” che abbiamo visto sfilare a Lecce ieri: siamo solo nella fase iniziale della quantificazione dei danni che la sua “manifestazione pacifista” ha prodotto nella nostra città, e ho paura che ne conteremo per molto.

Le assurdità concettuali sostanziate a colpi di spray verranno cancellate, purtroppo con i soldi che gli incolpevoli contribuenti leccesi ci consegnano per il funzionamento e il decoro della loro città. La figuraccia che questa sinistra cosiddetta antifascista e cosiddetta pacifista – e chi la difende – hanno rimediato con il corteo di ieri, ne sono certo, proprio no. Perché è democrazia dissentire da chi non la pensa come te; non è democrazia difendere il tuo punto di vista con i fumogeni e il passamontagna.

E allora, mi chiedo, di quale democrazia va cianciando chi coccola queste frange violente ed eversive che riaffermano con i fatti ciò che dicono di voler contrastare a parole, ovvero l’imposizione coatta di un pensiero e di un’ideologia?  Quale prosopopea ideale, quale delirio di autocelebrazione e di autoassoluzione abita chi ha legittimato la volontà di distruzione vergognosa e non legittimabile che i leccesi hanno visto in azione ieri, nonostante la pretesa di rappresentare un sistema di valori ideali rispettabili?

Sarebbe quindi interessante e opportuno che oggi, dopo aver visto in azione questa “sinistra pacifista” e il suo corteo – che non si è trasformato definitivamente in guerriglia urbana solo grazie ai nervi saldi delle forze dell’ordine leccesi, che ringrazio ancora una volta per competenza e alta professionalità; altro che storie – i paladini ideali di questa sinistra ci dicessero come giudicano l’indegno spettacolo andato in scena ieri per le strade della civilissima Lecce. Sarebbe interessante e opportuno che, su questo, i rappresentanti della sinistra cittadina dicessero la loro, ascoltando democraticamente i leccesi per sapere cosa pensino al riguardo. Facendo pubblicamente ammenda per aver consentito che il pomeriggio di follia avesse luogo. E chiarendo se sia questa la sinistra ideale di cui si ammantano e di cui, secondo loro, dovremmo andare tutti fieri”. 

 

{loadposition addthis}

 

 

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleTorre Lapillo, in manette un benzinaio di Veglie. Spacciava hashish e cocaina presso il suo distributore
Next articleIl Sallentino, serata d’onore a Lecce