Elezioni Politiche 2013: ecco come si vota per Camera e Senato

0
398

Oggi, ultimo giorno di campagna elettorale. Questa sera, dopo gli ultimi comizi e interventi televisivi e radiofonici, si spegneranno i microfoni su quella che è stata una vera e propria lotta all’ultimo voto per dar voce ai cittadini e alla loro coscienza politica.

Le operazioni di voto, dunque, inizieranno domenica 24 febbraio dalle ore 8 alle ore 22 e lunedì 25 dalle ore 7 alle ore 15.
Per ricevere le schede di voto sarà necessario, come sempre, presentarsi al proprio seggio di appartenenza, muniti di documento di identità valido e della tessera elettorale. Per coloro che l’avessero smarrita o non ricevuta, gli uffici anagrafe di tutti i comuni resteranno aperti al pubblico per tutta la durata del turno elettorale.

Si avranno solo due schede. Con la scheda ROSA si sceglieranno i rappresentanti per la Camera dei Deputati (630 membri). Potranno votare per la Camera tutti i cittadini italiani che, compiuti i 18 anni di età, non abbiano perso i diritti per interdizione. Attenzione: per votare bisogna fare una sola croce sul partito che si intende eleggere, senza indicare alcuna preferenza o mettere altri segni sulla scheda.

Con la scheda GIALLA si sceglieranno i componenti del Senato Italiano (315 membri). Possono votare per il Senato tutti i cittadini italiani che abbiano compiuto i 25 anni di età. Per votare al Senato bisogna fare una croce solo sul simbolo del partito che si intende eleggere, senza indicare alcuna preferenza o mettere altri segni sulla scheda.

Il sistema elettorale è proporzionale con premio di maggioranza e con soglie di sbarramento. 

Per la Camera: la coalizione o il singolo partito che raggiunga il più alto numero di volti, a livello nazionale, ottiene 340 seggi su 630, ovvero la maggioranza. 

Le soglie percentuali minime di sbarramento, invece sono:
4%, per i partiti che si presentano da soli
10%, per le coalizioni
2%, per i partiti coalizzati con altri, la cui coalizione abbia superato il 10%.

Entra alla Camera anche il miglior “perdente”, cioè – per ogni coalizione che ha superato il 10% – il migliore dei partiti sotto il 2%.

Per il Senato, i seggi vengono assegnati su base regionale. Le soglie percentuali minime di sbarramento sono:

8% per i partiti che si presentano da soli,
20% per le coalizioni,
3% per o partiti coalizzati con altri, la cui coalizione non abbia superato il 20%.

Buon voto a tutti e in particolare ai neo-maggiorenni che per la prima volta si accingono ad entrare, sicuramente con emozione ma anche con responsabilità, nella cabina elettorale.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleÈ venuto a mancare a Gallipoli, l’ingegner Roberto Nosetto.
Next articlePolitiche 2013: l’ATTO FINALE lo scriviamo noi