Festival Organistico del Salento, edizione 2021. Nostra intervista esclusiva al direttore artistico Francesco Scarcella

0
86

Sarà la settima edizione quella di quest’anno. Stiamo parlando del Festival Organistico del Salento che partirà questa sera, 24 luglio ed è organizzato dall’Istituto di Cultura Musicale “J.S. Bach” di Tricase con la direzione artistica del M° Francesco Scarcella.

Ben 24 i concerti in programma per gli appassionati del genere organistico tra luglio e ottobre che avranno luogo nelle Cattedrali e nelle chiese del nostro Salento.

L’obiettivo è quello di far conoscere e valorizzare sia il ricco patrimonio di organi storici del Salento (degni di nota sono gli organi di Salve del 1628, Santa Caterina d’Alessandria a Galatina con l’organo anonimo del 1558 e Gallipoli, San Francesco con il Chircher del 1726), sia i giovani organisti affiancati da musicisti di chiara fama quali Francesco Di Lernia, Francesco Cera, Cosimo Prontera, Alberto Mammarella, Radoslav e Renata Marzec (Polonia), Daniel Zaretsky (Russia), Antonio Rizzato, docente presso il  Conservatorio di Lecce.

Il Salento vanta un ricchissimo patrimonio di strumenti storici ben restaurati. Già agli albori degli anni ’70 ebbe inizio un attento monitoraggio e un approccio di restauro filologico che portò ad avere un buon parco organi di eccezionale interesse storico-organologico. Due le tappe leccesi: il 29 agosto in Duomo e il 5 settembre nella basilica di Santa Croce.

L’esperienza è imperdibile per gli appassionati di musica con strumenti antichi e di espressioni musicali difficili da trovare nei consueti canali distributivi, nonché la scoperta, o riscoperta, di luoghi di culto di straordinaria bellezza.

Paisemiu, per la rubrica “Risposte a tono” ha intervistato proprio il direttore artistico della rassegna, il M° Francesco Scarcella. In questa conversazione, conosceremo l’uomo e l’artista dal multiforme talento e dalla carriera già costellata da prestigiosi riconoscimenti.