Unitanz, Lecce capitale della danza europea

0
381

6169 pr1 UNI-TANZ 2014Lecce – Lecce, candidata  a capitale della cultura  nel 2019, diventa  capitale  della danza grazie ad Unitanz. È stato presentato qualche giorno fa a Palazzo Carafa il progetto Unitanz, un unicum nel panorama italiano che giunge alla sua seconda edizione. Il progetto è realizzato da Associazione Koreoproject e Folkwang Universitet der Kunste di Essen – prestigioso Istituto di danza, tra più rinomati al mondo per la formazione di danzatori –  in collaborazione con Comune di Lecce e Cantieri Teatrali Koreja.

Unitanz si propone  di accogliere  i  giovani talenti e offrire loro  una formazione  universitaria  che potrebbe  regalare alla Puglia e al Salento un futuro artistico – culturale di respiro davvero europeo.

 “È un onore per la nostra città ospitare questo progetto – ha sottolineato l’assessore al Turismo, al Marketing Territoriale, agli Spettacoli e agli Eventi, Luigi Cocliteche vede protagonisti i maestri della danza in Europa, a cominciare da Susanne Linke. Le eccellenze del territorio avranno la possibilità di interagire con i migliori ballerini europei. Sono certo che riusciremo a bissare il successo ottenuto lo scorso anno”.unnamed

In programma un workshop e un corso di alta formazione, oltre a due spettacoli che chiuderanno il progetto nel prossimo week end.

Il workshop è rivolto a un gruppo di max 25 allievi , con una formazione di base in danza classica e /o  contemporanea, provenienti da ogni parte del mondo. Le lezioni si svolgeranno presso il Teatro Paisiello di Lecce e i Cantieri Teatrali Koreja. Al corso base di tecnica e workshops proposto nella prima edizione, quest’anno si aggiunge il corso di coreografia con Susanne Linke, destinato a 15 allievi, e il corso di pedagogia in tecnica Jooss-Leeder (per massimo 10 allievi). Le lezioni si svolgeranno dal lunedì al venerdì, a partire dalle ore 10.  “Ci auguriamo che Lecce possa diventare Capitale europea della cultura, ma intanto in questi giorni la nostra città diventerà Capitale europea della danza”, ha sottolineato la professoressa Adriana Rogges, presidente dell’Istituto di Cultura italo-tedesco che ha sostenuto concretamente questa iniziativa. 

I due spettacoli in programma si terranno il 6 e il 7 settembre al teatro Paisiello e ai Cantieri Teatrali Koreja , rispettivamente all’interno della rassegna Lecc’è  del Comune e Open Dance di Koreja, con i maestri e i partecipanti del campus e con Fernando Suels Mendoza, danzatore del Tanztheater Wuppertal-Pina Bausch.

Info: I biglietti sono in vendita  al Castello Carlo V (spettacolo del 6 settembre) e ai Cantieri teatrali Koreja, per lo spettacolo del 7 settembre, oppure direttamente al botteghino.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleTAP ITALIA, le verità di Gianpaolo Russo sul gasdotto della discordia
Next articleNotte di luna: le magie della moda a Gioia del Colle