Tutti i vincitori del concorso nazionale di poesia “Vitulivaria” in una serata di premiazione a Novoli.

0
1246

VitulivariaNovoli (Le) – “Da tempo sognavo di realizzare un concorso di poesia, ma le difficoltà mi hanno indotta a ritardare il suo concepimento. È stato quando ho capito che in fondo la vita ha un suo precario evolversi, scaturito soprattutto dalla consapevolezza della morte dopo la perdita di mio padre, che ho sentito la necessità di procedere con il tentativo di concretizzare il mio sogno: dar vita a un concorso che avesse come substrato la terra salentina”.

Queste sono le parole della professoressa Maria Rosaria Teni, presidente della Giuria del Premio “Vitulivaria”, dedicato a Gerardo Teni, e il cui nome è un latinismo che unisce gli elementi che caratterizzano il territorio salentino, le viti e gli ulivi nell’aria, e che rappresenta l’esigenza di sentire l’attaccamento alle radici della nostra terra.

Il Premio, a cadenza biennale, organizzato dall’Associazione Culturale Viva Mente, e giunto ormai alla sua terza edizione, ha avuto quest’anno una tematica al contempo filosofica e introspettiva: “Il tempo: successione di momenti o dimensione dell’anima?” per la poesia, e “Il tempo nella memoria” per la narrativa, vera novità del 2015. “Abbiamo deciso di introdurre questa sezione perché nell’edizione precedente c’era stata molta richiesta di scrivere in prosa. Diciotto sono state le opere di narrativa in concorso, e data anche la tematica è un bel risultato”, ha raccontato Maria Rosaria Teni. “Dalla seconda edizione abbiamo aperto il premio anche alle scuole: tuttavia la partecipazione è stata scarsa, nonostante fosse totalmente gratuita. I ragazzi che hanno inviato le loro opere hanno manifestato una forte voglia di esprimere in versi le proprie problematiche, probabilmente è mancato un coinvolgimento maggiore da parte dei presidi e dei docenti”.

Cinque sono state le sezioni del concorso, a cui hanno partecipato 230 autori valutati dalla giuria, presieduta dalla professoressa Teni, e composta da Aldo D’Antico, Annalisa Bari, Silvia Cazzato, Gilberto Spagnolo, Teresa Romano, Mariantonietta Valzano, Antonio Teni, Elisa Salvati. Tutti i vincitori verranno premiati in una speciale serata, che avrà luogo sabato 25 aprile, alle ore 20.00, presso il Teatro Comunale di Novoli (Le). I vincitori delle sezioni A, B e C (rispettivamente “Poesia a tema libero”, “Poesia a Tema”, “Narrativa a Tema”), riceveranno un premio in denaro, tutti gli altri verranno omaggiati con dei prodotti tipici; i vincitori delle sezioni D ed E, riservate alle scuole superiori di secondo e primo grado, riceveranno un buono per acquistare dei libri, offerto dalla libreria Liberrima di Lecce. La serata verrà introdotta da Roberto Mello, e tutte le premiazioni verranno intervallate da intermezzi musicali, a cura di Elisa Mancino, pianista, delle Salent Girls Quartet (Sara Caliandro, Laura Tarantini, Manuela Nicolì, Noemi Taurisano), di Annamaria Nuzzo, Gabriele Spedicato, Vincenzo De Luca, e dei Tabor Trio (Ernesto Seclì, Riccardo Dell’Atti, Cesare Seclì, Rachele Parlangeli). Sarà presente anche Rosanna De Nigris, del Laboratorio Teatrale di Novoli, mentre Mario Seclì sarà la voce recitante.

Di seguito l’elenco dei primi tre classificati per ognuna delle cinque sezioni del premio “Vitulivaria”:

Sezione A: Poesia a Tema Libero

Primo Classificato: Riccardo Seclì – Novoli (Le), “Non Sempre – Non Serve”

Secondo Classificato: Pina Petracca – Surano (Le), “Goccia di pece”

Terzo Classificato: Enzo Bacc – Larino (Cb), “La bandana di Samìr”

Sezione B: Poesia a Tema – “Il tempo: successione di momenti o dimensione dell’anima?”

Primo Classificato: Erica Fiore – Trepuzzi (Le), “Il mio tempo è una prigione”

Secondo Classificato: Carla Maria Casula – Alghero (Ss), “Il movimento immobile del tempo”

Terzo Classificato: Floredana De Felicibus – Atri (Te), “L’acqua non ha memoria”

Sezione C: Narrativa a Tema – “Il tempo nella memoria”

Primo Classificato: Eugenio Rollo – Lecce, “Le pittulicchie”

Secondo Classificato: Santo Marsigliante – Veglie (Le), “Il tempo di morire”

Terzo Classificato: Maria Rosaria Greco – Turi (Ba), “La figlia della pazza”

Sezione D: Poesia a tema libero riservata a scuola superiore di secondo grado

Primo Classificato: Chiara Lecciso – Leverano (Le), “Mi salveresti?”

Secondo Classificato: Maria Pia Crisafulli – Santa Teresa di Riva (Me), “Ed era ancora la città dell’attesa”

Terzo Classificato: Emanuela Vittoria De Pascalis – Brindisi, “Libertà”

Sezione E: Poesia a tema libero riservata a scuola superiore di primo grado

Primo Classificato: Bianca Reale – Novoli (Le), “L’altalena”

Secondo Classificato: Gabriele Guerrieri – Novoli (Le), “Alzati e vivi”

Terzo Classificato: Francesco Orlando – Novoli (Le), “Siamo umani”

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous article“L’universo femminile: dalla criminologia al romanzo”. Il 24 aprile una tavola rotonda a Lecce
Next articleMia Mimì – l’artista, la donna, la voce: al Teatro Comunale di Novoli una serata in ricordo di Mia Martini