Novoli, il Comune aderisce al progetto “Tra le righe della scuola” per promuovere la lettura in ambito scolastico

0
49

Novoli (Le) – Dopo il riconoscimento nazionale “Novoli Città che legge” attribuita all’amministrazione comunale dal Centro per il libro e la lettura (Ministero dei Beni artistici e Culturali), d’intesa con l’ANCI, il comune ha aderito al progetto “Tra le righe della scuola”, che metterà in primo piano la lettura in ambito scolastico. L’Amministrazione comunale di Novoli (LE), il Sindaco Marco De Luca, in collaborazione con la casa editrice Tralerighe libri, il Premio Nabokov, Interrete e Piergiorgio Leaci, hanno incontrato lunedì 16 settembre la Dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo di Novoli Prof.ssa Elisabetta Dell’Atti, il Capo Dipartimento di Lettere Prof.ssa Antonella Greco, la Prof.ssa Marilù Murra per la consegna in omaggio di oltre 200 libri, tra saggi e romanzi.
I libri saranno distribuiti tra gli studenti della scuola secondaria di primo grado con il concorso dei docenti di italiano e storia per favorire il rapporto con la lettura e svolgere con continuità le politiche pubbliche di promozione della lettura sul territorio.
Il progetto pilota, nato a Lucca nell’ambito delle esperienze laboratoriali di Milton Lab di Andrea Giannasi, durante la chiusura legata al contrasto della diffusione del Covid-19, si pone come obbiettivo quello di incentivare la lettura attraverso la quantità di libri disponibili; portare nelle case dei cittadini e nelle famiglie libri che possono coinvolgere e interessare nella lettura anche altri familiari oltre agli studenti; semplificare il rapporto scrittori-editori-lettori.
Dopo il lancio e successivamente alla distribuzione, verrà poi raccolto nelle scuole un sondaggio in forma anonima che servirà per mappare lo stato della lettura nella cittadina salentina. Rinnovato ogni anno permetterà poi – dopo tre anni di attività – di avere un quadro fedele del rapporto tra studenti/cittadini e la lettura di libri.
Il progetto “Tra le righe della scuola” non si fermerà all’ambito di Novoli come Città che Legge 2022/2023, ma si estenderà ad altre realtà italiane dopo che proprio Novoli ha fatto da vero e proprio laboratorio.