“ Mpara l’arte e mintila te parte” : viaggio nei retroscena dei Giorni del Fuoco.

0
805

Tutto quello che vediamo appare bello e fantastico, ma andiamo a conoscere i retroscena, ciò che rappresenta  la preparazione che porterà poi allo stupore dei presenti.

Tutti i giornali  si soffermano sulla costruzione e accensione dell’imponente Focàra, ma il lavoro non finisce lì. Come ogni anno, i novolesi, ma anche i devoti al Santo e i frequentatori della Festa del Patrono “te lu fuecu”, attendono la gara fra le ditte dei pirotecnici invitati per l’occasione.

Ieri, in preparazione alle varie esplosioni di fuoco, la curiosità e la voglia di conoscere qualcosa di nuovo ci ha portati nei pressi di via Salice, luogo di preparazione e svolgimento di quest’attività, che di anno in anno diventa sempre più bella.

A presenziare il backstage, erano le tre ditte pirotecniche Mega Angelo – Scorrano (LE), Di Candia  – Sassano(SA) e De Carlo – Gioia del Colle(BA), che preparavano, in condizioni metereologiche avverse e  con molta preoccupazione, i famosi “ Fuechi te Sant’Antoni”.

Il lavoro di montaggio delle “esplosioni d’arte” è molto lungo, un processo che dura 4-5 ore circa, – come ci riferisce  uno dei fuochisti presenti – che porterà  poi alla meraviglia di chi è fermo ad assaporare con lo sguardo questi spari creativi.

Ecco dei piccoli momenti di retroscena:

{gallery}Gallerie/fuochi{/gallery}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleRiflessioni a fuoco spento
Next articleFissata la data del referendum che deciderà il futuro dell’ILVA