Fissata la data del referendum che deciderà il futuro dell’ILVA

0
933

(Fonte: web)

Taranto – 1) Volete voi cittadini di Taranto, al fine di tutelare la vostra salute e la salute dei lavoratori contro l’inquinamento, proporre la chiusura dell’Ilva? 2) Volete voi cittadini di Taranto, al fine di tutelare la vostra salute e quella dei lavoratori, proporre la chiusura dell’area a caldo dell’Ilva, maggiore fonte di inquinamento, con conseguente smantellamento dei parchi minerali?

Questi saranno i due quesiti a cui i cittadini di Taranto dovranno dare risposta. Sarà il loro parere a decidere il futuro dell’ILVA. Lo ha comunicato Il sindaco di Taranto, Ippazio Stefano; dopo aver avuto il parere del Comitato dei garanti, ha fissato per il 14 aprile 2013 la consultazione. Saranno proprio loro, i tarantini, a decidere il futuro dei propri figli. Come una spada di Damocle, l’Ilva continua a “pendere” sulle loro teste e come un pendolo continua ad oscillare tra il bene procurato da un lavoro stabile e il numero di morti per cancro che inesorabilmente sale a dismisura.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous article“ Mpara l’arte e mintila te parte” : viaggio nei retroscena dei Giorni del Fuoco.
Next articleTutti in piazza per i Sud Sound System