Lecce: l’università del Salento ascende la classifica degli atenei mondiali

0
353

imm unisalentoLecce –  In un tempo in cui si constata  il calo delle iscrizioni universitarie a livello nazionale e regionale, in cui i giovani non credono  più nella formazione universitaria, abbandonando gli studi a metà percorso e in un momento  in cui gli atenei sono criticati per i loro metodi eccessivamente teorici, l’ateneo salentino raggiunge un’ottima posizione all’interno di una classifica internazionale.

Pochi giorni fa è stata pubblicata la graduatoria del Times Higher Education World Universities Rankings, una delle classifiche più prestigiose a livello internazionale ed accreditata dalla European University Association, che riunisce 850 istituzioni accademiche di 47 paesi.

La graduatoria vede l’Università del Salento posizionarsi al 263° posto, ascendendo di ben 70 posizioni rispetto al 2013. Altra soddisfazione è il posizionamento al 5° posto rispetto agli altri atenei italiani, a fronte di un undicesimo posto nel 2013.

Il giudizio di merito di basa sull’analisi di 13 indicatori raggruppati in cinque aree: internazionalizzazione, ricerca, citazioni, entrate nell’industria, didattica.

Il rettore Vincenzo Zara in un comunicato agli studenti ed agli organi accademici, ringrazia tutti coloro che hanno contribuito al pregevole risultato raggiunto e spera che si possa fare sempre meglio per l’istituzione  e per il territorio.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleCoopstartup Puglia, nuova linfa per le politiche giovanili?
Next article“Terra del Fuoco Mediterranea”, l’associazione che organizza il Treno della Memoria, compie dieci anni