Lecce, alle Officine Cantelmo un weekend per le Start Up

0
331

Start up w.eLecce – Nel capoluogo salentino con i primi giorni d’autunno arrivano anche nuove idee e nuovi eventi per i giovani e per tutti coloro che vogliano lanciarsi in una nuova esperienza imprenditoriale.

Dal 2 ottobre fino a domenica 4 ottobre presso le Officine Cantelmo è in programma Startup Weekend Lecce tra cultura e turismo.

È un laboratorio di opportunità, luogo di formazione, condivisione, scambio di idee ma anche banco di business e marketing dove i sogni diventano concreti. L’obiettivo finale è sapere creare una startup vincente promuovendo, in questa edizione 2015, la creatività e l’innovazione digitale a favore dello sviluppo dell’economia turistica e culturale del nostro territorio.

Il weekend si snoda in una competizione alla pari nella quale vengono formate delle squadre attorno alle idee migliori e da esse nasceranno dei progetti validi che verranno presentati agli imprenditori di vari settori.

Startup Weekend Lecce 2015 si colloca  all’interno del progetto Lecce Social Innovation City promosso dal Comune di Lecce al fine di migliorare l’ecosistema locale per la promozione di pratiche di innovazione sociale. Tra gli ospiti saranno presenti: Viola Margiotta (Presidente Confindustria Giovani Lecce), Raffaele Parlangeli (Dirigente Comune di Lecce), Emma Taveri (Ref. Destination Maker), Giovanni de Caro (Investment Manager), Marco Minetti (CEO Novetica), Daniele Manni (Prof. Galilei – Costa) e molti altri.

La partecipazione è a pagamento e riservata a un massimo di 100 persone.I biglietti sono già acquistabili direttamente sul sito www.up.co/communities/italy/lecce/startup-weekend/6038  

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous article“Il Mare per le Conchiglie” tra passione, sofferenza e coraggio
Next articleEmozionArte: colori, musica, emozioni