EmozionArte: colori, musica, emozioni

0
377

LOCANDINA EMOZIONARTESquinzano (Le) – In occasione dell’undicesima Giornata del Contemporaneo, promossa da AMACI, Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani, il Centro Studi Athena di Squinzano, in collaborazione con la Scuola di Musica Arpeggiando, presenta l’evento EmozionArte.

L’esplorazione delle emozioni, attraverso la musica dell’arpa celtica della prof.ssa Sabrina Liù Luciani, diventa forma nella pittura materica di un mandala gigante all’interno del laboratorio didattico-esperienziale tenuto dagli artisti Eliana Calò e Fabio Maddalo.

 I colori rappresentano la lingua delle emozioni, il modo in cui ciascuno fa emergere parti di sé. Nel laboratorio didattico, rivolto ai ragazzi dagli 8 ai 13 anni, sarà possibile sperimentare le emozioni, evocate dalle melodie dell’arpa celtica, mediante la pittura di un mandala.

Il mandala, che in sanscrito significa cerchio, è un diagramma geometrico, una rappresentazione simbolica dell’espansione e della contrazione dell’universo in relazione a un punto centrale. Culture di epoche storiche diverse hanno usato i mandala per indurre la meditazione e la concentrazione, per creare ambienti armonici ed equilibrati, per trasmettere conoscenze. Colorare un mandala è un modo per raggiungere le profondità di se stessi e dare colore ai propri stati d’animo.

EmozionArte vuole essere un’esperienza formativa che, utilizzando le forme d’Arte di Musica e Pittura, immerge i partecipanti nel cuore delle emozioni, rendendole materia, colore, suono, espressione del proprio sé.

Il laboratorio è rivolto ai ragazzi dagli 8 ai 13 anni. Accesso libero e gratuito. È gradita la prenotazione per la formazione dei gruppi (massimo 4 ragazzi per gruppo). Per informazioni telefonare al numero 328/97 47 936 o scrivere una mail all’indirizzo info.centrostudiathena@gmail.com  

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLecce, alle Officine Cantelmo un weekend per le Start Up
Next article“Prologo d’Autunno”, al teatro comunale di Novoli Ottobre e Novembre tra teatro musica e danza aspettando la bella stagione