IO CI PROVO alla Città del Libro

0
298

Io ci provoCampi S.na (Le) – Nell’ambito della XIX Rassegna internazionale degli autori e degli editori del Mediterraneo che si svolgerà dal 12 al 15 dicembre 2013 presso il centro fieristico di Campi Salentina (Le) sarà presente anche Io Ci Provo, laboratorio teatrale ideato e guidato da Paola Leone (Factory Compagnia Transadriatca) rivolto ai detenuti della sezione maschile della Casa Circondariale di Borgo S. Nicola, giunto quest’anno alla sua terza edizione, il progetto è patrocinato dalla Regione Puglia, Comune di Lecce, Provincia di Lecce ,Teatro Pubblico Pugliese e sostenuto dalla Chiesa Valdese.

Durante i giorni della fiera sarà possibile visitare lo stand per conoscere meglio il progetto e tutti gli eventi e le iniziative che ruotano attorno a Io Ci Provo: una sfida nuova per il territorio e la realtà carceraria leccese, che si pone come obiettivo quello di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza degli strumenti riabilitativi dei detenuti e di come le arti, il teatro in questo caso, possano rappresentare uno dei veicoli principali per la rieducazione. Non meno importante, dal laboratorio nascono numerose attività – quali incontri, seminari, collaborazioni con artisti, scrittori e musicisti– volti a creare un contatto diretto ed uno scambio tra chi sta dentro e chi sta fuori, rendendo più labili quelle barriere nette di separazione tra le due realtà. All’interno del centro fieristico sarà allestita l’originale mostra nella quale le opere d’arte saranno le cartoline create dai detenuti che hanno partecipato alla seconda edizione del laboratorio, ispirate ad “Ubu Re”, basato sulla pièce del drammaturgo francese Alfred Jarry e realizzate appunto dagli attori della compagnia insieme all’artista Roberto Dell’Orco.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleL’analisi: la rabbia è più che legittima
Next articleLa protesta “dei Forconi” manda in tilt anche il Salento