Brindisi, al via l’undicesimo Convegno Nazionale di studi e ricerca storica sulla Grande Guerra

0
501

Il solo diritto, o piuttosto il solo dovere che ci spetta, è di non perdere mai la consapevolezza della feroce stupidità a cui l’uomo può discendere trattando l’altro uomo come materia di strazio o spettacolo di spasimi, a suo utile o a sua dilettazione. (Benedetto Croce)

Brindisi e la grande guerraBrindisi – Mercoledì 13 Maggio, alle ore 17.30, presso il Salone di rappresentanza del Palazzo del Governo (g.c. Prefettura – Piazza Santa Teresa) si terrà la II sessione del  Convegno Nazionale  “Brindisi e la Grande Guerra, dalla neutralità all’intervento”.

Organizzato dalla sezione di Brindisi della Società di Storia Patria per la Puglia in uno con la Società Storica di Terra d’Otranto  e con l’adesione e collaborazione di Assoarma Brindisi.

L’itinerario di studi sarà suddiviso in tre panels: politico, militare e di relazioni internazionali. Si proporrà di ripensare ora, in maniera critica, il periodo della neutralità italiana, ricollocandolo a pieno titolo nella storia della Prima guerra mondiale, esaminando i vari aspetti che caratterizzarono l’Italia dalla dichiarazione di neutralità all’intervento in guerra. Molteplici i riferimenti: al sistema politico italiano, con particolare riferimento ai vertici istituzionali, forze parlamentari e politiche, correnti d’opinione, stampa e associazionismo; alla situazione delle forze armate italiane alla vigilia del conflitto, preparazione militare, mobilitazione industriale, esercito e opinione pubblica; alla neutralità italiana e al peso del suo intervento militare nel sistema delle alleanze e nella considerazione delle principali potenze belligeranti.

L‘ammiraglio Stephan Jules Buchet analizzerà il ruolo del porto di Brindisi, di fondamentale  interesse per  la complessiva strategia navale italiana. Il ruolo del porto si configura quale essenziale nel momento in cui l’Italia, scendendo in guerra a fianco dell’Intesa, deve affrontare il pericolo costituito dalla flotta austroungarica, alla fonda nei sicuri porti adriatici della sponda balcanica. La Puglia ebbe una predominante rilevanza, con i suoi 800 chilometri di costa, i porti di Manfredonia, Bari, Brindisi, Otranto e Taranto. La Puglia, ed in particolare il Salento, costituiva il confine meridionale di contenimento e di blocco della marina da guerra austro-ungarica. Fondamentale, per il successo di tale strategia, fu lo sbarramento del canale di Otranto, per la salvaguardia del quale furono combattute varie battaglie, coordinate dalla marina italiana con le marine francesi ed inglesi. Sin dallo scoppio della Guerra, a Brindisi operò la base navale interalleata, con unità navali francesi e inglesi. La base di Taranto ebbe un ruolo notevole di supporto alle operazioni navali nell’Adriatico.

La Grande Guerra italiana non fu combattuta soltanto nel teatro di terra, ma ebbe importanti e determinanti momenti nel teatro di mare, in particolare  la Puglia.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleBrindisi, presentato oggi “Pamex 2015”
Next articleIl casting ufficiale del Grande Fratello a Trani il prossimo 13 giugno