Arte, musica, spettacolo: nasce a Novoli AMadeuS

0
134

Novoli (Le) – Una scuola di formazione a tutto tondo quella che è stata presentata a Novoli, lo scorso 12 settembre, nelle storiche sale del Palazzo Baronale nella centralissima Piazza Regina Margherita.

Sold out e tanta soddisfazione negli occhi e nelle parole della “padrona di casa”, il Maestro Simonetta Miglietta Sozzo che, dopo ben 17 anni investiti nella scuola superiore di musica Harmonium, ora, insieme a valenti e competenti collaboratori e collaboratrici, si accinge ad intraprendere una nuova avventura, quella di AMADEUS, “culla e fucina di cultura musicale, di diffusione della stessa, di educazione e rispetto per l’arte”, come lei stessa la definisce in continuità con quanto fatto in più di tre lustri.

Tantissime le soddisfazioni registrate nel corso del tempo: alunni che hanno mosso i primi passi in quel luogo di formazione per poi perfezionare i propri studi chi in teatro, chi in conservatorio, chi in accademie ed istituti musicali di grande prestigio in Italia ed all’estero. Tanti pure coloro che continuano a frequentare a Novoli solo per diletto e perché considerano oramai le insegnanti la loro seconda famiglia.

“Ciò di cui andiamo assolutamente fieri – ha detto il M° Miglietta Sozzo nel suo indirizzo di saluto ai presenti – al di là di tutto, è la serietà con cui ci siamo sempre accostati all’insegnamento e l’amore che ci spinge ancora oggi a farlo”. Poi, citando don Lorenzo Milani, continua: “Chi non farà scuola animato da un grande amore, non faccia scuola”.

Non sempre, aggiunge la Presidente della scuola, alcune attività sono redditizie: a volte ci si rimette ma lo si fa per amore, per passione, a vantaggio insomma della qualità professionale ed umana che rende l’azione didattica vero e proprio strumento indispensabile per ottenere un buon successo in quello che si fa.

L’appuntamento aveva lo scopo di presentare questo nuovo sogno. E così è stato.

“Ho considerato, e fortemente voluto in qualità di Presidente, che la Scuola non fosse la mia scuola, ma la scuola di tutti e che chiunque vi entrasse, avesse il privilegio e la gioia di sentirsi a casa propria. Ambienti, strutture, strumenti, materiali… sempre tutto a disposizione, e non solo, anche e soprattutto aria buona, gentilezza, armonia e sorriso”.

In queste parole di Simonetta Miglietta Sozzo la sintesi di quello che sarà AMADEUS: una grande e bella famiglia da cui trarre forza ed ispirazione, una scuola capace di tirare fuori il meglio di ogni allievo e far emergere l’artista che è in lui, riconoscerne le capacità, le possibilità che, nascoste dietro timidezze o paure, rimangono inespresse a vita, compromettendo le relazioni sociali e addirittura la scoperta di talenti.

Soprattutto, sarà un ambiente inclusivo: porte aperte ai tanti cittadini extracomunitari che vogliano e possano approfondire la conoscenza della musica, del teatro, del canto e quant’altro sarà presente nel paniere formativo della scuola stessa.

“Trovo che l’interculturalità sia il fiore all’occhiello di una società civile e che il confronto tra culture diverse possa portare solo ricchezza e crescita umana. Prego ed esorto gli amici delle associazioni che si occupano di questo di avviare immediatamente un dialogo con la scuola per favorire l’integrazione culturale e sociale, nel rispetto delle diversità di usi e costumi, di etnie e scambi di conoscenze musicali che mi stanno particolarmente a cuore”.

Altra interessante novità, infine, sarà il progetto costruito con successo e proposto dall’artista Tiziana Mele che, attraverso il piano di lavoro dal titolo “L’arte incontra la Musica”, si propone di indirizzare i bambini alle attività artistiche dando loro modo di conoscere, sperimentare e concretizzare le capacità artistico/creative attraverso l’ascolto della musica. D’altra parte l’arte è uno strumento per conoscere il mondo con altri occhi.

Lezioni individuali, collettive, computer, in un ambiente sereno e con la possibilità di osservare la natura da vicino… Un percorso artistico ed educativo insomma, anche attraverso l’osservazione di quadri di grandi artisti. Il corso durerà per l’intero anno scolastico ed avrà luogo ogni sabato mattina dalle 9.30 alle 11.30.