27 gennaio, la Giornata della Memoria a Porto Cesareo

0
406

Per non dimenticarePorto Cesareo (Le) – “Il peggior male non è il male radicale, ma è il male senza radici. E proprio perché non ha radici, questo male non conosce limiti” (H. Arendt, La banalità del male). 

Il 27 gennaio in tutto il mondo si celebra la Giornata della Memoria per ricordare le vittime dello sterminio nazista.

Milioni di morti per una violenza gratuita, per la banalità del male che imperversava tra le fila delle squadre armate di Hitler, le quali avevano il compito di epurare il mondo da coloro che non fossero ariani.

Le vittime dell’Olocausto sono ricordate oggi nella grande cupola dello “Yad Vashem” a Gerusalemme.

Nel nostro territorio sono tante le iniziative che si snoderanno e che avranno come tema il ricordo, affinché non si dimentichi e non accadano più stragi del genere.

A Porto Cesareo, lunedì 27 gennaio alle ore 18.30 nella Biblioteca Comunale, si terrà un incontro, organizzato dagli Scout della Parrocchia e dal Salotto letterario, cui parteciperanno alcuni ragazzi che hanno visitato i campi di concentramento di Auschwitz. Essi porteranno la loro testimonianza ed esterneranno le emozioni scaturite dall’esperienza vissuta.

A seguire due ragazzi undicenni, Lucia e Filippo, commenteranno  un volumetto di Lorenza Farina dal titolo “Il volo di Sara”, che narra, brevemente ma in modo intenso, l’incontro tra una bambina di 6 anni ed un pettirosso che la porterà via dalla crudeltà del lager.

Il sentimento con il quale vivere questa giornata ce lo suggerisce Primo Levi: “Nulla se non le parole, rimangono a ricordarci che siamo uomini e abbiamo il dovere della memoria”.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleNovoli-Lizzano 1-0 ed il sogno continua
Next articleIl giorno della memoria …