Recrudescenza di truffe ai danni di anziani.

0
332

TruffaAnzianiLecce – Ennesima truffa ai danni di un’anziana signora leccese. Una signora ottantenne, mentre rientrava in casa, nei pressi di via Benedetto Croce, dopo aver fatto la spesa, giunta nei pressi della sua abitazione, notava un’autovettura di colore grigio con una sola persona a bordo che, dopo aver percorso il rondò, rallentava e salutava gesticolando con la mano verso la sua direzione, mentre lei continuava a camminare verso casa.

Giunta in prossimità della porta del condominio, la signora si sentiva chiamare alle spalle per nome da parte del conducente dell’auto vista poco prima, che lasciava intendere di conoscerla abbastanza bene.  Dopo averla salutata e chiamata per nome, la informava di essere stato poco prima a casa del figlio della signora, di cui conosceva il nome, al quale sosteneva di aver venduto un computer del valore di euro 1.500,00.  Aggiungeva inoltre che il ragazzo, non avendo la disponibilità di quella somma lo avrebbe indirizzato da lei.

Per dare maggior credito alla sua storia, componeva un numero di telefono con il suo cellulare, lasciando intendere alla signora che stesse parlando proprio con suo figlio, addirittura gliel’ha anche passato al telefono, senza che la donna si accorgesse, forse anche per la stanchezza, che fosse uno sconosciuto.

L’interlocutore gli diceva al telefono di dare i soldi che poi glieli avrebbe restituiti. Caduta nel tranello, l’anziana invitava lo sconosciuto a salire a casa e l’uomo nel frattempo le portava anche le buste della spesa.

Giunta in casa, la donna si rendeva conto di poter dare solo 850,00 euro, l’ammontare cioè  della pensione ritirata il giorno prima,  somma che lo sconosciuto accettava come anticipo di quanto poi suo figlio avrebbe saldato e le lasciava uno scatolo . Prima di allontanarsi, lo sconosciuto, alto m 1,65, di circa 40 anni, corporatura robusta, stempiato, con occhiali da vista e vestito con pantaloni a vita bassa e maglietta polo di colore grigio, dimostrava di conosce bene la famiglia della vittima, parlandogli dei figli, del loro lavoro e persino dei loro hobbies.

Poco dopo, la signora scopriva che nel pacco vi era una pedana “balance board “ compatibile per Nintendo Wii e, ovviamente, all’arrivo del figlio di essere stata truffata.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleXylella, blitz all’alba per l’eradicazione di 47 ulivi. Impiegati oltre 300 militari
Next articleLecce, arriva il Summer Cabaret, un’estate all’insegna della comicità