Corte di Cassazione, “spiare un cellulare è reato”

0
495

spiare-iphone-blackberry-androidRomaL’instaurazione di una relazione sentimentale fra due persone appartiene alla sfera della libertà e rientra nel diritto inviolabile all’autodeterminazione fondato sull’articolo 2 della Costituzione, dal momento che non può darsi una piena ed effettiva garanzia dei diritti inviolabili dell’uomo (e della donna) senza che sia rispettata la sua libertà di autodeterminazione”, si legge nella sentenza della Cassazione confermando il reato di furto di cellulare per un giovane che sosteneva di voler indagare sulle presunte relazioni esterne della ex fidanzata.

Il giovane, un ventiquattrenne pugliese, è stato condannato a due anni e due mesi di reclusione. Si era fiondato nella casa della ex, l’aveva strattonata per prenderle il cellulare e infine aveva cercato di individuare indizi su una sua presunta liaison. L’accesso agli SMS, la galleria fotografica, mail, note registrate e ogni altro materiale però gli è costato molto caro.

“La libertà di autodeterminazione nella sfera sessuale comporta la libertà di intraprendere relazioni sentimentali e di porvi termine”. In sintesi nessuno può pretendere di “perquisire” i cellulari altrui per individuare prove di un’eventuale relazione. Il diritto alla riservatezza è primario rispetto alla curiosità di un partner geloso. I giudici ritengono che la violazione di questa sfera personale si configura come “ingiustizia del profitto morale”.

La condanna per rapina, dunque, è stata confermata, anche se nella fase cautelare il Tribunale del riesame “aveva escluso il reato reputando insussistente il requisito dell’ingiustizia del profitto”.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLe auto e moto storiche in un raduno a Lecce, in programma il 22 marzo (2)
Next articleInsetticidi per 120 Km coast to coast: “Preferiamo morire con gli ulivi ma non per gli ulivi”