Catturato alle prime luci dell’alba a Trepuzzi Fabio Perrone

0
4284

foto PERRONE Fabio Antonio cl 1973 da Trepuzzi LETrepuzzi (Le) – Preso. Fabio Antonio Perrone, ergastolano 42enne di Trepuzzi, è stato arrestato all’alba di oggi al termine di un blitz che ha visto impegnati anche gli agenti della polizia penitenziaria. Gli uomini della prima sezione criminalità organizzata e catturandi  lo hanno sorpreso e bloccato dopo un disperato tentativo di fuga, senza neanche dargli il tempo di reagire. Il ricercato si nascondeva a Trepuzzi in via 2 giugno, in manette anche un presunto fiancheggiatore del 42enne.

La mattina del 6 novembre Perrone era stato trasportato sotto la scorta di due agenti della penitenziaria dal carcere di Borgo San Nicola nel reparto di Chirurgia endoscopica del “Vito Fazzi” per essere sottoposto a colonscopia. Privato delle manette, con una mossa repentina aveva strappato la pistola d’ordinanza dalla fondina di uno degli agenti, ingaggiando un cruento conflitto a fuoco, ferendo gravemente di uno dei due a una gamba e di striscio un anziano. Poi, come nella più classica delle scene cinematografiche, era fuggito prima per le scale e poi rubando l’auto a una donna che si trovava nel parcheggio. Da quella mattinata di sangue e terrore di Perrone, alias “Triglietta”, si sono perse le tracce.

Fabio Perrone era stato condannato all’eragastolo perl’omicidio volontario del montenegrino Fatmir Makovic e per il tentato omicidio del figlio di quest’ultimo, avvenuto la notte tra il 28 e il 29 marzo del 2014, all’interno del bar Gold di Trepuzzi.

Si è giunti all’arresto al termine di un capillare lavoro investigativo e di controllo del territorio. Da settimane, infatti, la squadra mobile gli stava facendo terra bruciata intorno, controllando ogni possibile canale di rifornimento e sostentamento del ricercato.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleCavallino, le opere di Arnaldo Miccoli in esposizione alla Galleria del Palazzo Ducale dei Castromediano
Next articleLupa Castelli-Lecce: le probabili formazioni