“I fiocchi di mimosa”: l’otto marzo, a Guagnano, si festeggia la donna (2)

0
42

8 marzo a GuagnanoGuagnano (Le) – La Pro Loco “Guagnano ’93” scende in campo per festeggiare la donna e difenderla contro ogni forma di violenza.

L’iniziativa si chiama “I Fiocchi di Mimosa” ed è interamente realizzata dai volontari dell’Associazione guagnanese che hanno unito le loro forze per rendere un doveroso omaggio alle donne e al loro ruolo prezioso nelle società di sempre, nel giorno che universalmente sceglie di celebrarle.

Domenica 8 Marzo a Guagnano su via Provinciale, nei pressi della villetta della Madonnina, ci sarà un piccolo stand dell’Associazione dove, con un contributo libero, si potranno acquistare ramoscelli del noto fiore giallo legati dal celebre nastro rosso che simboleggia il NO alla violenza sulle donne. 

«Si tratta di un gesto semplice, che vuole dimostrare il nostro essere in prima linea nel rispetto delle donne, agendo sempre come parte attiva contro ogni forma di violenza che riguardi il mondo femminile», commenta Valentina Perrone, vice presidente della Pro Loco guagnanese e unica quota rosa nel direttivo che guida l’Associazione.

Il ricavato della vendita dei ramoscelli, realizzati artigianalmente dai volontari, sarà interamente devoluto ad associazioni locali impegnate nella lotta contro la violenza sulle donne. «Perché le donne – concludono dall’Associazione – vanno amate e rispettate sempre, in tutti i giorni dell’anno».

Lo stand sarà aperto al pubblico dalle 9:30.

Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di Paisemiu.com

{loadposition addthis}

 

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleOronzo Valzano proclama la “jihad” contro il saccheggio delle coste fra Brindisi e Casalabate
Next articleLecce-Juve Stabia: presentazione e probabili formazioni