Trepuzzi, cittadinanza onoraria a Michela Marzano: il 19 maggio la cerimonia nell’aula consiliare

0
201

Trepuzzi (Le) – Giovedì 19 maggio 2022, alle ore 18:30, presso l’Aula Consiliare del Comune di Trepuzzi (Corso Garibaldi, 10), si terrà la cerimonia di conferimento della Cittadinanza onoraria a Michela Marzano, scrittrice, filosofa, accademica, politica e saggista.

Con delibera di Giunta n. 15 del 28 gennaio 2022, l’Amministrazione Comunale aveva accolto favorevolmente la proposta avanzata dalla Presidente del Consiglio Comunale, Annamaria Capodieci. Con Delibera n. 4 del 12 marzo 2022, il Consiglio Comunale deliberava all’unanimità dei presenti il conferimento della Cittadinanza Onoraria a Michela Marzano, avendo inoltre acquisito parere favorevole di ammissibilità espresso dalla Commissione Consiliare competente, con verbale del 18 febbraio 2022.

Michela Marzano – si legge nelle motivazioni – è una delle grandi protagoniste del panorama culturale italiano. La sua storia inizia con il perfezionamento in filosofia alla Scuola Normale Superiore di Pisa e in bioetica alla Sapienza di Roma. Attualmente insegna all’Università di Parigi V “René Descartes”. Francese d’adozione, romana di nascita, Michela Marzano ha origini salentine: sua mamma è della provincia di Taranto e suo papà della provincia di Lecce, di Campi Salentina, dove c’è ancora la casa dei nonni dove lei spesso, quando torna qui nel Salento, va ad abitare.

Nel 2013, viene eletta alla Camera dei Deputati in Lombardia. In questi anni si è battuta per i diritti civili e sociali. La sua esperienza da deputata finisce nel 2018. Dopo la parentesi politica, ritorna pienamente nell’ambiente accademico. Dal 2019, è editorialista per La Repubblica e, dal 2020, scrive anche su La Stampa. Nonostante la ripresa della sua attività accademica, non ha mai smesso di occuparsi di politica, come testimoniano numerosi suoi scritti e interventi televisivi, sia culturali sia politici.

La bibliografia di Michela Marzano annovera numerosi titoli pubblicati in Italia e in Francia. Scrittrice molto sensibile e amata da un vasto pubblico attento a tematiche civili e sociali, ha ottenuto per i suoi scritti diversi riconoscimenti. Illustre ospite della rassegna Leggere per Vivere, voluta dall’Amministrazione comunale, Michela Marzano è presente a Trepuzzi fin dal suo esordio, nell’estate 2017, con il libro “L’amore che mi resta”.

Ha continuato a rappresentare una voce culturale di spicco nella nostra città con altre opere come “Iddha”, tributo all’idioma salentino. E ancora, nel dicembre scorso, manifestando l’amicizia e l’affetto che la legano alla nostra città, sceglie Trepuzzi per presentare la sua ultima opera “Stirpe e vergogna”.

In quest’opera, Michela Marzano intreccia il passato familiare alle pagine più controverse della  storia del nostro Paese. Un libro dalla voce schietta e incalzante, che ci invita a coltivare la memoria, perché solo così si può sperare che certe cose non accadano più. La profondità filosofica e la delicatezza dei temi trattati rendono unica questa donna che, con la sua infaticabile e meritoria testimonianza letteraria e civile, combatte ogni espressione di intolleranza, discriminazione e odio, il razzismo, l’antisemitismo e ogni forma di violenza, di fascismo e di omofobia. Il conferimento della cittadinanza onoraria a Michela Marzano ha, quindi, delle motivazioni particolari, perché richiama a dei valori che la nostra comunità ha in sé. I valori della memoria e della verità che ci permettono di non dimenticare e di andare avanti in una realtà così complessa come quella in cui viviamo. Sono queste le motivazioni che hanno portato l’Amministrazione Comunale a proporre il conferimento della cittadinanza onoraria a Michela Marzano, scrittrice, filosofa, accademica, politica e saggista.