‘Ti regalo un battito’: al via il progetto per imparare a salvare una vita con un defibrillatore

0
1287

Locandina Ti regalo un battitoLecce – ‘Ti regalo un battito’ è il nome del progetto che partirà nei prossimi giorni a Lecce, ideato dalla Dott.ssa Alessia Margarito e dal Dott. Lorenzo Petrucci, referenti di ACSI – Comitato Provinciale di Lecce, settore Salute, e realizzato in collaborazione con Società Cooperativa Sociale BellAria, Vear Zoll srl, rappresentata dalla Dott.ssa Carlino Veronica, e con il responsabile del progetto “Lecce Cardioprotetta” Dott. Luigi Fuggiano.

Un’iniziativa nata per fermare una sorta di epidemia che vede ogni anno scomparire in Italia 60.000 persone per morte improvvisa, dovuta spesso al sorgere di un arresto cardiaco, fenomeno che, secondo le statistiche, pare essere sempre in più in crescita. Dati allarmanti che riguardano l’intera popolazione, considerando che l’arresto cardiaco può colpire chiunque senza distinzione di sesso o età. Una morte che può essere evitata con l’uso di un defibrillatore, strumento diventato ormai preziosissimo per la salute dell’uomo. E’ soprattutto per questo che nasce il Progetto “Ti Regalo un Battito”, indirizzato in particolare al mondo dello sport, con lo scopo di educare alla prevenzione e al pronto intervento coloro che operano in questo settore dove sono ormai molto frequenti le morti improvvise causate da malattie cardiache. A tal fine, l’iniziativa si basa soprattutto sulla formazione e sulla frequentazione del corso di BLS-D, ideato secondo le “Linee Guida ILCOR”, attraverso il quale è possibile acquisire le nozioni fondamentali per effettuare la rianimazione cardiopolmonare servendosi di un defibrillatore e agendo in tempo per salvare una vita in pericolo.

Un progetto che segue le direttive del Decreto Balduzzi del Ministero della Salute il quale prevede, entro Luglio 2016, l’obbligo di personale formato all’utilizzo del defibrillatore e di dotazione del DAE, il defibrillatore semi-automatico, per tutte le società sportive professionistiche e dilettantistiche. Ma l’iniziativa prevede anche altri vantaggi, infatti, come spiega il Presidente Provinciale ACSI di Lecce, Cosimo Margarito: “Grazie alla convenzione sottoscritta da Vear srl e ACSI Comitato Provinciale di Lecce, settore Salute, sarà possibile acquistare, per chi aderirà al progetto, un defibrillatore semiautomatico a prezzi più vantaggiosi, per favorire la messa in sicurezza della strutture. L’obiettivo del progetto è quello di incrementare la ‘catena della sopravvivenza’ con strumenti salvavita e soggetti capaci di defibrillare per poter intervenire tempestivamente nei luoghi considerati ‘più a rischio’”.

Un fenomeno, quello dell’arresto cardiaco che non va sottovalutato, anzi, come afferma il Dott. Fuggiano, responsabile dell’Osservatorio Sanitario del Comune di Lecce e direttore del Progetto “Lecce Cardioprotetta”:  “In tutte le strutture in cui afferiscono un grande numero di persone è necessario avere un defibrillatore di pronto utilizzo. L’arresto cardiaco si può presentare anche in persone che apparentemente sono in pieno benessere. Il tempo a nostra disposizione per intervenire è di pochi minuti.”

Parole che trovano riscontro nei casi di cronaca che vedono protagonisti sportivi o semplici cittadini salvati grazie proprio all’intervento del defibrillatore, come nel caso del ragazzino di undici anni che a Francavilla Fontana, nell’inverno scorso, è stato colto da attacco cardiaco mentre si trovava a scuola. Fondamentale fu l’uso del defibrillatore utilizzato dai docenti istruiti sul suo funzionamento e che la scuola aveva a disposizione grazie alla donazione di una nota azienda francavillese. 

Tutte le strutture sportive che aderiranno al progetto ‘Ti regalo un battito’ entreranno nel circuito di ‘Lecce Cardioprotetta’, che da tempo si adopera per donare quel battito in più necessario a far battere un cuore in difficoltà.