Sabato 30 settembre, con Tario e i Mundial si conclude la rassegna “L’estate sta finendo”

0
20

Si conclude il prossimo sabato 30 settembre la rassegna “L’estate sta finendo”: promossa da Coolclub e Sei Festival nella programmazione Puglia Sounds Circuito dei Luoghi 2023 della Regione Puglia, la rassegna ha allietato molte delle serate salentine nel complesso monumentale del Castello di Corigliano d’Otranto.

Protagonisti della serata finale, che avrà inizio a partire dalle ore 21 (ingresso libero), saranno il cantautore Tario e il trio, ormai noto per live sempre più scoppiettanti ed energici, Mundial.

Ad aprire l’evento, il cantautore salentino Mario Turco, in arte Tario, presenterà alcuni brani dalla vena malinconica, che non rinuncia tuttavia all’elettronica. A seguire, l’inconfondibile sound dei Mundial, progetto nato dall’idea del cantautore Carmine Tundo, del chitarrista Roberto Mangialardo e del batterista Alberto Manco, tre musicisti da sempre attivi nel circuito indipendente musicale italiano che collaborano in diversi format, tra i quali La Municipàl e Diego Rivera. Dopo l’esordio discografico di “Scercule”, il trio porterà sulla scena il nuovo lavoro “Culacchi”, prodotto dalla label indipendente Discographia Clandestina.

“In questo lavoro abbiamo recuperato alcune di queste brevi storie, dopo una lunga ricerca condotta tra le persone anziane del nostro territorio, le abbiamo registrate e le abbiamo inserire in un costrutto sonoro moderno, che si basa sul campionamento di suoni della natura e della tradizione, sposati con l’elettronica moderna, strumenti percussivi e drum machine”, spiegano i tre musicisti.

Una serata all’insegna dell’electro-sound che, accompagnando gli ascoltatori in un viaggio tra tradizione e innovazione, farà ballare il pubblico salutando l’estate.

Ha studiato Lettere moderne presso l’Università del Salento ed è stata allieva della Scuola Superiore Isufi. Attualmente, svolge un dottorato di ricerca in “Langue, Culture et Civilisation Italiennes” presso l’Université Côte d’Azur di Nizza, in co-tutela con l’Università L’Orientale di Napoli (dipartimento di Studi Internazionali). Le sue principali ricerche riguardano lo sviluppo dell’identità maschile nel mondo militare dell’Italia contemporanea, a metà tra la storia sociale, la storia della medicina e la storia giuridica. I suoi interessi l’hanno condotta a Dijon, presso l’Université de Bourgogne, dove ha trascorso un semestre di studio, e presso l’École française de Rome, dove ha svolto un periodo di ricerca. Tra gli altri interessi, annovera il giornalismo impegnato, la musica d’autore e il cinema indipendente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleSulle tracce della «spiritualità ecologica» di papa Francesco
Next articleAgorà Design 2023: architettura, design e territorio